rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Calcio

La Casertana sconfitta a Sorrento abbandona i sogni di gloria

I falchetti messi alla frusta dai tre ex Maiuri, D’Ottavi e Petito. Inutile il gol di Ferrari

In altri tempi sarebbe stata definita la madre di tutte le partite. Sorrento e Casertana si affrontano per la 13esima giornata di campionato, coi giochi non ancora fatti, ma con un vantaggio discreto a favore dei padroni di casa che parevano essere destinati fino a qualche settimana fa ad essere i padroni del torneo e con gli ultimissimi risultati che ne hanno scalfito la supremazia. La Casertana sa che non si prescinde dalla vittoria, anche se con un risultato di parità e divario inalterato avrà tante altre possibilità di portare il suo attacco alla vetta. In netto miglioramento le condizioni meteo: con la pioggia ed il vento della vigilia ne sarebbe venuta fuori una partita rovinata, mentre il tiepido sole domenicale favorisce, unitamente allo spessore tecnico delle due formazioni, una partita spettacolare e tutta da gustare. Il tempo clemente favorisce altresì l’esodo dei tifosi casertani, che si sono recati in costiera convinti che quella odierna possa essere la partita della svolta definitiva del torneo rossoblù.

LE SCELTE. Una sola variazione rispetto all’undici che Maiuri ha utilizzato nel precedente match col Sarrabus: nel trio d’attacco insieme a Gaetani e l’ex Petito, l’altro ex falchetto Gabriel D’Ottavi, due gol in maglia rossoblù nella scorsa stagione. Restano quindi inalterati i reparti di difesa e mediana, a dimostrazione che il tecnico ha estrema fiducia nei suoi uomini, a dispetto della netta sconfitta in terra sarda. Due i cambi invece per Panarelli ed entrambi per recuperi: Rainone rientra dalla squalifica, mentre Sena si riprende il suo posto sulla fascia sinistra dopo le noie muscolari che lo hanno tenuto fuori nelle precedenti uscite. Confermato Paglino nel trio alle spalle dell’unica punta Favetta. Parte dalla panchina Onazi come pure Dionisi, titolare contro l’Atletico Uri per l’assenza forzata del capitano.

PRIMO TEMPO. Partenza guardinga su entrambi i fronti. Le due squadre si presentano molto compatte nei reparti arretrati, senza forzare i ritmi per non scoprirsi più di tanto. Ovvio che la posta in palio è altissima e nessuna delle due vuole concedere vantaggi agli avversari. La prima conclusione è dei padroni di casa, con Herrera, sugli sviluppi di un corner che spara altissimo. La Casertana risponde con Bollino che conclude a lato su invito di Turchetta. Al 17’ Bollino apre per Favetta che appoggia al limite per Vacca il cui diagonale di prima intenzione finisce a lato. La partita per una mezz’ora non offre ulteriori sussulti, si gioca prevalentemente a centrocampo con le due squadre impegnate a gestire alternativamente la palla senza mai trovare gli spunti per l’affondo. Le emozioni arrivano nel finale, prima con Turchetta che vede respingere da un difensore un insidioso diagonale e poi col gol che sblocca il risultato. Il gioco parte dalla fascia destra da dove La Monica mette al centro un cross che non viene intercettato ed allontanato dalla difesa rossoblù, la palla arriva sul dischetto del rigore dove l’ex D’Ottavio con una girata imperiosa trafigge l’incolpevole Romano. E’ i secondo minuto di recupero ed il Sorrento torna negli spogliatoi con il gol di vantaggio.

SECONDO TEMPO. Si riprende senza cambi, ma con la Casertana impegnata a riagguantare il risultato. Ma è rossonera anche la prima azione del secondo tempo con Petito che penetra in area ed impegna di piede il portiere ospite Romano. Al 12’ su angolo di Turchetta svetta Favetta ma la girata è alta sulla traversa. Altro intervento alla Garella di Del Sorbo che al 18’ si oppone a un tentativo di Favetta. Comincia la girandola di cambi di Panarelli nel tentativo di approdare al pareggio. In rapida successione entrano in campo Onazi, Guida e Ferrari per irrobustire il gioco rossoblù. Sull’altro fronte Maiuri toglie dal campo Gaetani per far poso a Serrano ed è proprio quest’ultimo che si libera sulla sinistra al 23’ e libera il tiro sul quale vola Romano e devia in angolo. Al 32’ arrivo il premio per i cambi di Panarelli: Ferrari di testa devia un cross al bacio di Vincenzo Galletta per deporre la sfera nell’angolino alla destra di Del Sorbo dove quest’ultimo non può arrivare. Ma la gioia rossoblù dura appena 8’: Petito se ne va sulla sinistra e con un’azione travolgente si porta sin sulla linea di fondo da dove mette al centro un cross che Serrano deve solo depositare comodamente in rete. Finisce cos’ la sfida del Camo Italia: il Sorrento si mostra squadra più solida del campionato e non a caso guida la classifica con cinque punti sulla Lupa Frascati sua immediata inseguitrice e si porta di nuovo a +9 (potenzialmente 10) sulla Casertana che ora probabilmente deve cominciare a ridimensionare i suoi sogni di primato.

SORRENTO – CASERTANA 2-1

SORRENTO (4-3-3): Del Sorbo; Todisco G, Fusco, Cacace, Todisco F; La Monica, Herrera, Cuccurullo (19’ Selvaggio); Gaetani (65’ Serrano), Petito, D’Ottavi. A disp. Castellano, Bisceglia, Chiricallo, Mazzarano, Mercuri, Potenza, Gargiulo. All. Vincenzo Maiuri

CASERTANA (4-2-3-1): Romano; Galletta V., Rainone (88’ Galletta U.), Sabatino, Cugnata; Vacca (75’ Ferrari), Casoli; Paglino (69’ Guida), Turchetta (63’ Onazi); Favetta. A disp. Prisco, Cugnata, Darini, Dionisi, Esposito. All. Luigi Panarelli

ARBITRO: Fabrizio Arcidiacono di Acireale (Pietro Bennici di Agrigento e Davide Di Dio di Caltanissetta)

RETI: 47’ pt D’Ottavi; 76’ Ferrari; 85’ Serrano

NOTE: pomeriggio luminoso e tiepido; terreno in perfette condizioni; spettatori 800 circa di cui quasi 200 provenienti da Caserta; osservato ad inizio gara 1’ di raccoglimento per le vittime della frana di Ischia; angoli 5-2 per il Sorrento; ammoniti Sabatino Selvaggio, La Monica; recupero 2’ e 5’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana sconfitta a Sorrento abbandona i sogni di gloria

CasertaNews è in caricamento