Domenica, 24 Ottobre 2021
Calcio

Un gol di Favetta basta alla Casertana per tornare alla vittoria

L'attaccante, ultimo arrivato, segna e batte il Casarano

Primo impegno di un certo spessore, rispetto ai precedenti, con la Casertana che torna al Pinto, onde ospitare una delle capoliste del girone H, quel Casarano che tante volte ha incrociato i tacchetti con la squadra e che è reduce dal brillante, seppur condizionato, successo sull’Audace Cerignola. Si torna a giocare altresì in un clima invernale in concomitanza con le prime insistenti piogge che flagellano il sud della penisola. La Casertana arriva all’appuntamento da imbattuta, con una vittoria all’esordio e tre pareggi consecutivi, mentre gli avversari dopo il flop interno della seconda giornata col Bisceglie ha messo insieme due successi (a Nardò e col Cerignola appunto) che unitamente al successo d’esordio lo hanno proiettato in vetta alla graduatoria. Le avverse condizioni meteo e qualche altra manifestazione sportiva programmata in concomitanza tengono ancora lontano dal Pinto il consueto numero di spettatori.

LE SCELTE. Maiuri è privo di Vicente, Sambou e Sansone; Pambianchi rientra dall’infortunio ma va solo in panchina; staffetta in avanti con Liccardi che prende un po’ di respiro e parte coi rincalzi, sostituito dall’ex Favetta; confermata in toto la linea difensiva mentre in mediana Carannante parte dal 1’. Calabuig conferma in toto la squadra che ha battuto il Cerignola, con l’unica eccezione di Tedesco, subentrato nel corso della ripresa per sostituire l’infortunato Dambros. Tra gli assenti, a centrocampo, figura Tounkara, che ha disputato solo una gara finora al debutto, per poi fermarsi.

PRIMO TEMPO. La Casertana dà l’impressione di non voler attendere – come in precedenti occasioni l’avversario e si riversa sin da subito nella metà campo rossoazzurra. Al 4’ Monti conquista e batte un calcio di punizione sulla fascia sinistra con una mischia che si accende nei pressi di Ianni che i falchetti non riescono a concretizzare. Al 9’ Favetta riesce in condizione di equilibrio precario a servire Feola che però conclude con un tiro debole e centrale. Al quarto d’ora il repentino cambio di gioco di Rainone mette in movimento ancora Monti sulla sinistra il cui traversone al centro è deviato da Vacca tra le braccia di Ianni. Il Casarano non riesce ad uscire dalla propria metà campo e le poche volte che lo fa viene contrato agevolmente dalla difesa rossoblù che spesso manda pure in posizione di fuorigioco le avanzate di Tedesco e Prinari.  Al 21’ altro pregevole lancio di Vacca per la testa di Vacca che riesce solo a sfiorare la sfera e non imprimerle la traiettoria giusta per inquadrare lo specchio. Passa un minuto e lo scatenato ex Favetta dialoga con Mansour e viene contrato al momento topico dell’azione col direttore di gara che gli fischia anche un fallo contro. Attorno alla mezz’ora la tattica attendista del Casarano prende il sopravvento e con fitti palleggi a centrocampo Meduri e compagni riescono ad imbrigliare le manovre dei locali non consentendo più loro di creare problemi alla retroguardia ospite. Tedesco al 39’ penetra in area e conclude a pochi passi da Trapani con la palla che si spegne oltre la traversa. La partita scivola via verso l’intervallo senza ulteriori emozioni e dopo 1’ di recupero il signor Marchioni di Rieti manda tutti negli spogliatoi per il thé ristoratore.

SECONDO TEMPO. Nessuna sostituzione all’intervallo, si riprende con gli stessi protagonisti dei primi 45’, ma con la Casertana che sembra tornare in campo con maggiore determinazione rispetto alla parte finale della prima frazione. Subito al tiro Tufano (4’) col tentativo che pure appariva destinato al fondo bloccato a terra da Ianni. All’8’ l’occasione più ghiotta per il Casarano: Atteo dopo una sua prolungata azione sulla destra va alla conclusione a botta sicura dopo un rinvio della difesa e sul suo bolide si immola letteralmente Rainone che di testa riesce a rifugiarsi in angolo. Gli ospiti cercano di tenere sotto pressione e lontana dalla propria area la Casertana e tenta azioni di alleggerimento; al 13’ è Prinari a concludere a lato da buona posizione. Maiuri capisce che non può più tergiversare e opta per un doppio cambio al 13’: dentro Maresca e Liccardi, fuori Cusumano e Carannante dando più intensità al 4-3-3 che in qualche fase del primo tempo aveva leggermente cambiato in un 4-1-4-1. La mossa non dà frutti immediati e sembra rivivere il canovaccio della seconda parte del primo tempo col Casarano abile a prendere le contromisure ai falchetti. Al 21’ Casarano ancora pericoloso con Prinari che salta come birilli i difensori locali e porge a Tedesco che opta per la battuta sul primo palo spedendo al lato. Dopo qualche istante tocca a Coria sfuggire a Di Somma e tentare la conclusione, anch’essa finita sul fondo. La Casertana cerca di scuotersi con Favetta che al 28’ va alla battuta che, respinta dalla difesa, manda la palla sui piedi di Mansour che da posizione defilata manda il suo diagonale a lato della porta di Ianni. Ma il gol è nell’aria e l’occasione giusta se la procura poco dopo la mezz’ora Favetta che di testa supera Sanchez inducendolo al fallo che lo atterra: l’arbitro assegna il rigore e sul dischetto si porta lo stesso ex della partita che piega le mani a Ianni ed insacca. La reazione ospite è affidata al destro di Prinari che impegna Trapani alla parata a terra. Liccardi al 41’ conquista un pallone al limite e lascia partire un diagonale che Ianni respinge con maestria; su capovolgimento di fronte è Trapani ad opporsi a Sanchez che aveva cercato l’angolino basso alla sua sinistra. Proprio quando l’arbitro assegna 5’ di recupero la Casertana si distende in un pericoloso contropiede con Monti sul cui cross Favetta arriva in leggero ritardo e Liccardi è troppo decentrato per trovare lo specchio. Nei minuti finali la capolista cerca il tutto per tutto per pervenire al pareggio. Ma la retroguardia rssoblù gestisce al meglio la situazione e porta a casa un successo che consente anche l’aggancio in classifica all’ex capolista.

CASERTANA – CASARANO 1-0

CASERTANA (4-3-3): Trapani; Tufano, Rainone, Di Somma, Monti; Vacca (84’ Chinappi), Feola, Carannante (58’ Liccardi); Cusumano (58’ Maresca), Favetta. Mansour (85’ Pambianchi). A disp. Sarracino, Felleca, Nicolau, Capitano, Carnevale. All. Vincenzo Maiuri

CASARANO (4-3-1-2): Iannì; Signorelli (84’ Santarcangelo), Rizzo, Sanchez, Coronese (84’ Greco); Atteo, Meduri, Di Biase; Coria (69’ Pipistrelli); Prinari, Tedesco. A disp. Dancona, Tordini, Maraschio, Florio, Patronelli, Manca. All. Matias Calabuig.

ARBITRO: Marco Marchioni di Rieti (Lorenzo Chillemi di Barcellona Pozzo di Gotto e Francesco Davide Bonaccorso di Catania)

RETI: 31’ Favetta (rig.)

NOTE: pomeriggio freddo e piovoso, terreno in sintetico in perfette condizioni; spettatori 300 circa con assenza di tifosi ospiti; angoli; ammoniti Sanchez, Liccardi; 5-4 per la Casertana; recupero 1’ e 5’

QUINTA GIORNATA

I RISULTATI

Bitonto - San Giorgio        2-1         

Brindisi - Rotonda       0-0            

Casertana - Casarano 1-0            

Cerignola - Altamura  ore 17              

Francavilla - Sorrento   4-0           

Lavello - Nola          1-0             

Mariglianese - Molfetta  1-0        

Nardo' - Bisceglie          0-1        

Nocerina - Gravina    1-1            

Virtus Matino – Fasano 0-0

LA CLASSIFICA

Francavilla 12

Bitonto 11

Gravina 10

Lavello 10

Casertana 9

Casarano 9

Fasano 8

Bisceglie 8

Nocerina 8

Sorrento 7

Mariglianese 7

Cerignola 7

Nola 6

V. Matino 6

Nardò 3

Molfetta 3

San Giorgio 2

Altamura 1

Brindisi 1

Rotonda -3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un gol di Favetta basta alla Casertana per tornare alla vittoria

CasertaNews è in caricamento