rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca San Marcellino

Sequestrato mezzo carico di rifiuti: scatta la denuncia

Intercettato dai carabinieri forestale: è stato accertato che il veicolo non è iscritto all'Albo dei Gestori Ambientali

Intercettato un quadriciclo che trasportava rifiuti. E' accaduto su corso Europa a San Marcellino. Nell'ambito dell'azione di contrasto alla 'Terra dei Fuochi' messa in campo dal Nucleo carabinieri forestale di Marcianise, è stato notato il mezzo che nel cassone aveva numerosi rifiuti speciali: 2 condizionatori arrugginiti; 1 fornetto elettrico danneggiato ed arrugginito; imballaggi in ferro; una bicicletta danneggiata; una busta in plastica contente viti arrugginite e barre in alluminio. Tutti i rifiuti erano mischiati tra loro, per un quantitativo complessivo stimato in 350 chilogrammi di materiale. 

Il mezzo, tra l’altro, non è risultato iscritto all’Albo dei Gestori Ambientali per cui, essendo integrato il reato di attività di carico e trasporto di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi senza la prescritta iscrizione all’Albo dei Gestori Ambientali, i militari hanno proceduto al sequestro preventivo del mezzo e hanno deferito in stato di libertà il conducente del veicolo.

Le attività del Nucleo carabinieri forestale non si fermano. Il contrasto alla 'Terra dei Fuochi' si fa lungo le strade. I rifiuti speciali non tracciati prodotti da laboratori artigianali, imprese edili, officine meccaniche, imprese di giardinaggio, svuotacantine e non solo, per poter essere smaltiti lungo le strade di campagna in zone isolate per poi essere dati alle fiamme, devono essere giocoforza trasportati con dei mezzi. I veicoli che generalmente vengono impiegati in tali illecite operazioni sono furgoni, autocarri, Apecar e minivan. Naturalmente si tratta di mezzi vetusti ed in pessime condizioni di manutenzione in quanto chi delinque in questo settore è ben conscio che in caso di controllo il veicolo sarà oggetto di confisca.

In questo ambito un ruolo determinante lo svolgono gli svuotacantine abusivi, che prestano la loro opera carpendo la fiducia di persone inconsapevoli che hanno la necessità di liberare box auto o appartamenti da vecchi mobili e materiali vari. Gli svuotacantine si preoccupano anche di fare una cernita dei rifiuti ritirati, rivendendo quei materiali facilmente riciclabili o recuperabili come i metalli che hanno un valore economico, mentre tutto il resto lo smaltiscono illegalmente in campagna o in zone isolate. Da qui la necessità di una forte azione di contrasto a tali condotte illecite

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrato mezzo carico di rifiuti: scatta la denuncia

CasertaNews è in caricamento