Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Il giudice accoglie l'istanza del difensore e gli revoca i domiciliari

Lamonica portato in ospedale dopo la sparatoria nel bar

Gianfranco Lamonica, il 'finto militare' di 41 anni che lo scorso 19 giugno fu protagonista di una sparatoria con la polizia in un bar di via Natale a Caserta può stare in giudizio. E' quanto ha stabilito il giudice dopo aver ascoltato i periti che hanno valutato la condizioni dell'uomo, rimasto ferito dopo essere stato colpito dagli agenti. Contestualmente l'avvocato difensore Paolo Caterino ha presentato istanza di scarcerazione dai domiciliari che è stata accolta. 

Lamonica, nello scorso mese di giugno, armato con una pistola da softair, fedele riproduzione di un'arma vera, aveva terrorizzato un intero quartiere. Fingeva di scarrellare poi puntava il mirino nel vuoto. Fino a quando qualcuno ha allertato la polizia che lo ha "abbattuto" all'interno di un bar. Il 41enne, che si vantava per una carriera da reduce pur non essendo militare di professione, avrebbe puntato l'arma verso i poliziotti che a quel punto lo hanno sparato alle braccia ed alle gambe. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento