rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

Appalti rifiuti, il processo ai sindaci 'trasloca' a Santa Maria Capua Vetere

I giudici si dichiarano incompetenti per territorio ed inviano gli atti al tribunale per la fissazione dell'udienza

Il processo ai sindaci trasloca a Santa Maria Capua Vetere. I giudici della settima sezione penale di Napoli (collegio A) si dichiarano incompetenti per territorio ed inviano gli atti al foro sammaritano per la fissazione dell'udienza. 

Sotto processo ci sono i sindaci di Caserta e Curti, Carlo Marino e Antonio Raiano, il manager Carlo Savoia, l'ex dirigente comunale Marcello Iovino, l'ex funzionario Giuseppe D'Auria,  Biagio Bencivenga di Cardito, Gennaro Cardone di Portici, Angelo Egisto di Marcianise, l’ex comandante della polizia municipale di Curti Igino Faiella, Michele Fontana di Villa Literno, Carmine Gallo di Giffoni Vallepiana, Nicola Mottola di Lusciano, Anna Scognamiglio di Trecase. 

L'inchiesta, coordinata dalla Dda, riguarda le presunte turbative d'asta per gli appalti rifiuti in diversi comuni che sarebbero finiti alla Xeco di Savoia grazie a gare "aggiustate" dall'imprenditore e dai suoi collaboratori con la complicità di alcuni politici e funzionari. 

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Giuseppe Stellato, Giuseppe Tuccillo, Gennaro Iannotti, Dario Pepe, Giuliana Tammelleo, Alberto Martucci, Francesco Cappiello, Gabriele Amodio, Mario Griffo e Vincenzo Iorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti rifiuti, il processo ai sindaci 'trasloca' a Santa Maria Capua Vetere

CasertaNews è in caricamento