rotate-mobile
Cronaca Mondragone

Trovato morto in cantina: è stato ucciso a martellate. Fermato pregiudicato casertano

Il 58enne è accusato dell'omicidio di Massimo Lodeserto avvenuto a Torino. Era in un programma di protezione

È un pregiudicato, già affiliato ad un clan camorristico casertano e condannato per un omicidio, il presunto assassino di Massimo Lodeserto, il cui cadavere è stato ritrovato questa mattina in una cantina a Torino dopo che era scomparso ad agosto.

L’uomo, 58 anni, sarebbe stato assassinato da un suo coetaneo, che, a quanto si apprende, risulta inserito in un programma di protezione.

L’uomo, assistito dall’avvocato Antonio Di Micco, del foro di Napoli, durante l’interrogatorio durato tutto il pomeriggio, avrebbe fatto delle ammissioni. Il movente dell’omicidio sarebbe economico. Nel 2019 era stato condannato dalla Corte di Cassazione a 15 anni per l’omicidio, avvenuto a Mondragone, di un corriere della droga che venne picchiato, assassinato e il cadavere venne dato alle fiamme. Il pregiudicato era collegato al clan camorristico Gagliardi-Fragnoli. Il movente del delitto sarebbe di natura economica. La vittima, secondo quanto appreso da TorinoToday, sarebbe stata colpita con un martello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto in cantina: è stato ucciso a martellate. Fermato pregiudicato casertano

CasertaNews è in caricamento