rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Carinola

Droga, cellulari e coltello in carcere col drone: due fermati

La denuncia del Sappe: "Sequestrati 1,8 kg di hashish"

Hanno provato ad introdurre droga e cellulari all'interno del carcere di Carinola con un drone. Due persone sono fermate mentre una donna è riuscita a scappare.

A darne notizia è il Sappe. "Ieri sera, dalla Sala Regia del carcere, hanno visto volare un drone sulla struttura detentiva: supportati dai Carabinieri, gli uomini della Polizia Penitenziaria, hanno fermato due uomini che stavano manovrando l’aeromobile mentre una terza persona, una donna che li attendeva a bordo di un’auto, è riuscita a scappare”, si legge in una nota di Tiziana Guacci ed Ettore Natale, rispettivamente segretario regionale e segretario locale del Sappe. 

I sindacalisti informano che "nel pacco che il drone stava trasportando vi erano 1,8 kg di hashish, diversi quantitativi di cocaina, 10 microtelefoni, 10 smartphone, un coltello a serramanico e una macchinetta per tatuaggi".

Il Segretario Generale Sappe Donato Capece evidenzia come anche quest’ultimo evento "conferma tutte le ipotesi investigative circa l’ormai conclamato fenomeno di traffico illecito a mezzo droni, fenomeno questo favorito anche dalla libertà di movimento dei detenuti a seguito del regime custodiale aperto e delle criticità operative attuali, in cui opera la Polizia Penitenziaria, con dei livelli minimi di sicurezza. Il compiacimento del Sappe va al personale del Reparto di Polizia Penitenziario di Carinola. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga, cellulari e coltello in carcere col drone: due fermati

CasertaNews è in caricamento