Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Vaccini ‘a domicilio’ nella prima zona rossa casertana

Il direttore generale dell'Asl, Russo: "Arriveremo con un mezzo mobile sul punto più alto della nostra provincia e vaccineremo i nostri anziani"

La piccola comunità di Letino

Il 16 maggio 2020: una data destinata a rimanere per sempre nella memoria collettiva casertana ed in particolar modo dei cittadini di Letino, comune matesino di circa settecento anime, sito ai piedi del monte Miletto. Proprio in quella data, in un 'maledetto' sabato, verso l'ora di pranzo, l'Unità di Crisi della Campania, su indicazione del presidente della Regione Vincenzo De Luca, disponeva la messa in quarantena immediata per il comune di Letino, a causa di un picco di contagi esploso a seguito della positività di un infermiere diretto verso il Nord Italia (il 'caso zero').

Di fatto la prima 'zona rossa' della provincia di Caserta. Con posti di blocco dei militari dell'Esercito Italiano e delle forze dell'ordine lungo tutto il perimetro, per non consentire a nessuno di poter entrare o uscire da Letino. Insomma un paese blindato e i suoi cittadini in preda al panico più totale; una comunità costretta a subire le ripercussioni della 'zona rossa' per undici 'lunghi', quasi 'interminabili', giorni. Fino al 26 maggio, giorno dell'ordinanza di revoca delle misure restrittive firmata dal presidente De Luca.

E' passato poco meno di un anno da quei concitati momenti. Anche se sembra sia passato un breve lasso di tempo, visto l'incubo 'indelebile' dei cittadini letinesi. Oggi nel comune di Letino - secondo l'ultimo bollettino diramato dall'Asl di Caserta - non ci sono più pazienti alle prese col virus. Ora dunque il paese è "zona verde", così come piace definirlo al sindaco Pasquale Orsi. Ma manca l'ultimo step: l'immunità di gregge. Ed è per questo che l'Asl di Caserta ha deciso di avviare una campagna di vaccinazioni proprio lì, nel comune della prima zona rossa casertana, come segno di rinascita. 

Ad annunciarlo è stato il direttore generale dell'Asl, Ferdinando Russo, nel corso della cerimonia tenutasi alla caserma "Ferrari Orsi" di Caserta per festeggiare il traguardo delle 100mila dosi somministrate in poco più di due mesi. "Nei prossimi giorni avvieremo una campagna vaccinale importante nel comune che è stato la prima zona rossa del casertano - ha dichiarato - Grazie all'ausilio di una onlus, arriveremo con un mezzo mobile sul punto più alto della nostra provincia e vaccineremo i nostri anziani che sono ancora in attesa dei vaccini".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini ‘a domicilio’ nella prima zona rossa casertana

CasertaNews è in caricamento