rotate-mobile
Attualità Portico di Caserta

Antenna di telefonia al centro del paese: sindaco e cittadini dicono 'no'

La struttura sorgerà su un terreno della Diocesi: la fascia tricolore ha contatto anche la Curia e si è appellato al vescovo Lagnese che però ha risposto che la procedura è stata avviata prima della sua nomina

Scoppia la polemica a Portico di Caserta dopo che l'Arpac ha dato il via libera per l'installazione di un'antenna di telefonia nel centro del paese in un terreno di proprietà della Diocesi di Capua.

La situazione preoccupa, e non poco, sia la cittadinanza sia il sindaco Giuseppe Oliviero che tempo fa chiese e ottenne delucidazioni all'Asl e all'Arpac in merito all'incremento dei tumori sul territorio comunale e se questa statistica potesse essere connessa alla presenza di alcune antenne di telefonia in prossimità del centro abitato.

Adesso il primo cittadino è al fianco dei residenti per dire 'no' all'installazione della nuova antenna di telefonia e per questo si è rivolto alla Diocesi di Capua e al vescovo Pietro Lagnese. "Ho contattato la Curia perché noi tutti siamo contrari a questa nuova antenna di telefonia. Il vescovo mi ha risposto che la procedura è stata avviata quando non si era ancora insediato. Da parte mia c'è la massima solidarietà ai cittadini, che si stanno organizzando in un comitato di salute pubblica. Io sarò sempre al loro fianco per dire 'no' all'installazione dell'antenna".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antenna di telefonia al centro del paese: sindaco e cittadini dicono 'no'

CasertaNews è in caricamento