rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità

Peschiera della Reggia ai privati, i 5 Stelle: "Intervenga il ministro"

E' scontro per il bando firmato dal direttore Felicori per la concessione ventennale della Peschiera

Un intervento del ministro dei Beni e delle attività culturali Alberto Bonisoli “affinché possa essere ripristinato il senso valoriale del simbolo casertano”. Il simbolo casertano in questione è la Reggia vanvitelliana, e l’intervento richiesto al ministro riguarda il bando firmato dal direttore (in scadenza) Mauro Felicori per l’affidamento con la formula del project financing della concessione della peschiera grande e complesso dei Liparoti per i prossimi 20 anni.

A chiamare in causa il ministro, dopo l’articolo di Casertanews che aveva raccontato in anteprima la pubblicazione del bando che concederebbe ad un privato uno “spazio” all’interno del bene patrimonio dell’Unesco, sono i parlamentari casertani del Movimento 5 Stelle.

Nella missiva inviata a Bonisoli i parlamentari Del Monaco, Del Sesto, Grimaldi e Iorio chiamano in causa l’operato di Felicori: “Sembra che il direttore stia dando gli ultimi colpi di coda alla sua direzione affidando una parte della Reggia di Caserta, nello specifico, la Peschiera grande, in gestione alla Società Reale Canottieri Reggia di Caserta con sede in Napoli con il vincolo che la stessa può essere utilizzata per altre finalità rispetto al Monumento reale sotto l'egida dell'Unesco”.

Ed in effetti sul tavolo è già presente il progetto dell’Asd Reali Canottieri, che prevede la creazione di una scuola nautica per giovani e diversamente abili per praticare canottaggio, canoa e vela “grazie al recupero della struttura attualmente abbandonata”, oltre alla realizzazione di una scuola di restauro per imbarcazione d’epoca.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peschiera della Reggia ai privati, i 5 Stelle: "Intervenga il ministro"

CasertaNews è in caricamento