Coronavirus, nuova ordinanza di De Luca: "Chiudete parchi e ville". Consegne a domicilio solo per supermercati

Il governatore firma un altro atto ufficiale dopo la chiusura disposta dal premier Conte

Nei supermercati si entra sempre a scaglioni per evitare assembramenti

Consegne a domicilio solo per i supermercati, assistenza ai cittadini soli affidata ai Comuni ed ai piani sociali di zona e, infine,  il divieto di frequentare parchi urbani e ville comunali, con la richiesta ai sindaci e gestori di chiudere eventuali porte e varchi d’accesso. E’ questa la nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che arriva a poche ore dalla decisione del presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte di chiudere “tutti i negozi non necessari” su tutto il territorio italiano (leggi qui quelli che possono restare aperti).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova ordinanza è servita a De Luca per chiarire che, a dispetto di quanto stabilito dal presidente del Consiglio, in Campana vige una maggiore restrizione per quel che concerne “le consegne a domicilio” di ristoranti e pizzerie, che avevano già fatto infervorare il governatore 48 ore fa. Tant’è che nell’atto firmato stamattina, De Luca specifica che fino al 25 marzo “sono vietate le attività dei servizi di ristorazione, fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie”. Ed aggiunge che “i supermercati e gli altri esercizi di vendita di beni di prima necessità sono legittimati ad effettuare consegne a domicilio soltanto di prodotti confezionati e da parte di personale protetto con appositi Dpi”. Specifica inoltre che “gli esercizi nei cui locali si svolgono attività miste (ad esempio bar, tabacchi e sale gioco) sono consentite solo le attività consentite dal decreto dell’11 marzo ed hanno l’obbligo di sospensione immediata delle attività vietate”. E’ vietato inoltre “lo svolgimento di fiere e mercati per la vendita al dettaglio, anche relativi ai generi alimentari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • Sorpreso con la motosega nel bosco, sequestrati 40 quintali di legna | FOTO

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Sparatoria alla Bnl, fermata la banda di rapinatori

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

Torna su
CasertaNews è in caricamento