rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Calcio

La Casertana chiude il 2023 con un pareggio: con il Sorrento è 1-1

Alla rete di Damian risponde in avvio di ripresa Ravasio

L’ultimo match del girone di andata, che quasi sempre coincide con l’ultimo impegno dell’anno solare vede contrapposti Sorrento e Casertana, le due squadre protagoniste dell’ultima edizione del Girone G della Serie D. L’impegno va in scena al Viviani di Potenza, che i costieri hanno eletto a sede delle partite interne in attesa di tornare al Campo Italia. Tante le motivazioni per le due contendenti in campo, a cominciare dalle serie positive che negli ultimi tempi ne hanno caratterizzato il percorso. Il Sorrento è reduce da sei risultati utili nelle ultime sette gare; la Casertana invece non perde da 10 partite e potrebbe uguagliare il record del Picerno, interrotto ieri per mano della Juve Stabia. E proprio lo scontro al vertice andato in scena in anticipo al Curcio potrebbe spianare la strada ai falchetti per lanciarsi da soli all’inseguimento della capolista gialloblù. Altri stimoli vendono dagli ex della gara, a cominciare da Enzo Maiuri, due anni fa sulla panchina del Pinto ed oggi su quella dei costieri, unitamente alle presenze in rossonero dei vari Blondett, Petito e Di Somma, tutti con trascorsi casertani. Dopo due gare di inibizione tornano a seguire la Casertana dal vivo i propri sostenitori, che hanno come spesso accade affrontato la trasferta in massa e si presentano al Viviani con la forza dei numeri con 360 tifosi che non lasciano da soli i falchetti in una sfida che potrebbe fare da crocevia per l’intera stagione.

LE SCELTE

Il particolare stato di grazia delle due squadre induce i tecnici a non operare variazioni nelle formazioni da mandare in campo dall’inizio. Maiuri ha tutti a disposizione e conferma in toto la squadra che ha sbancato il Massimino. Quindi Badje e Ravasio completano il trio d’attacco insieme a Vitale e De Francesco, match winner col Catania a dirigere le operazioni in mezzo al campo. Unico ex della formazione iniziale è Edoardo Blondett, mentre Vincenzo Di Somma parte dalla panchina e Petito non figura in distinta. Un solo cambio, invece, per Cangelosi rientrando dalla squalifica Giacomo Sciacca; per il resto è confermata la squadra che ha battuto il Giugliano con Damian e Toscano ai lati di Proietti a centrocampo; in fase di riscaldamento Montalto accusa un colpo e deve lasciare la sua maglia da titolare a Taurino per accomodarsi in panchina dove trovano posto anche Soprano che attende di ritrovare la forma migliore dopo l’infortunio e Casoli, assente ormai da tre turni, di cui i primi due saltati per squalifica.

PRIMO TEMPO

Il profondo reciproco rispetto induce le due squadre ad un approccio alla partita molto cauto e per i primi minuti nessuna delle due produce sortite pericolose che possano dare adito a ripartenze avversarie. Nessuna occasione da rete su entrambi i fronti fino al 9’ quando la Casertana rompe gli indugi ed alla prima azione pericolosa si porta in vantaggio: Damian conquista palla ed allarga sulla destra per Calapai che va al cross respinto sui piedi dello stesso Damian che con una volée morbida spedisce il pallone alla destra di Del Sorbo. Per il centrocampista rossoblù si tratta del secondo centro stagionale. L reazione del Sorrento è inapprezzabile e la Casertana si rende ancora pericolosa al 12’: Taurino si libera al limite e fa partire un tiro a giro che Del Sorbo devia oltre la traversa; sugli sviluppi dell’angolo si accende una mischia in area sorrentina coi falchetti che non riescono a concretizzare. La Casertana esercita un pressing alto non permettendo al Sorrento di portare minacce a Venturi ed al 23’ potrebbe raddoppiare con un calcio di punizione di Anastasio, la correzione di testa di Curcio ed il tiro finale di Proietti che sfiora il palo alla destra di Del Sorbo. Dal 25’ in poi i falchetti allentano un po’ la presa concedendo qualche possibilità ai rossoneri di affacciarsi in area, senza però mai rendersi veramente pericolosi se non per una protesta per fallo di mano in area che l’arbitro non sanziona. Al 41’ Taurino entra in area e si scontra con Fusco ed entrambi restano a terra per poi riprendere il gioco entrambi con la testa fasciata.

SECONDO TEMPO

Si riprende con un cambio tra i falchetti con Taurino, già in predicato di uscire dopo lo scontro con Fusco, cede il posto a Casoli. Il Sorrento impiega appena 30 secondi per far capire di essere tornato in campo con altro piglio: Badje lanciato da Blondett, si presenta davanti a Venturi, lo evita e conclude a lato. Passano pochi istanti e Badje riparte sulla destra effettua un cross a rientrare con l’accorrente Ravasio che con un bel piattone supera Venturi. La reazione rossoblù si manifesta con un tiro dai 30 metri di Casoli che esce di poco alla destra di Del Sorbo. Al 14’ Ravasio e Scala confezionano una buona azione in area, ma alla fine i difensori rossoblù riescono a liberare. Il tempo trascorre col ritmo di molto placato e con rarissime azioni da rete. Un lampo nel buio al 27’ quando Curcio serve in profondità Tavernelli che si presenta davanti a Del Sorbo, ma non riesce ad imprimere l’adeguata forza al tiro che il portiere blocca a terra. Al 34’ AAnastasio dalla sinistra mette al centro dove un approssimativo controllo di Blondett favorisce il tiro di Montalto, appena entrato, che si perde sull’esterno della rete. Passano 2’ e un cross di Messori trova La Monica che da buona posizione spara alto. Si placano di nuovo gli animi con le due squadre che sembrano accontentarsi del pareggio. Solo nei minuti dii recupero gli estremi tentativi cin due calci piazzati, prima per atterramento di La monica e poi quello ai danni di Montalto, ma entrambi non sortiscono effetti. Finisce con un salomonico pareggio il 2023 per Casertana e Sorrento che chiudono un anno straordinario e con una striscia positiva che si allunga ulteriormente. Specialmente per la Casertana a cui il girone di andata la premia come la più vicina antagonista della capolista Juve Stabia.

SORRENTO – CASERTANA 1-1

SORRENTO (4-3-3): Del Sorbo; Todisco (88’ Di Somma), Blondett, Fusco, Loreto (88’ Colombini); La Monica, De Francesco, Cuccurullo (76’ Messori); Badje (58’ Scala), Ravasio, Vitale (76’ Martignago). A disp. D’Aniello, Oliva, Bonavolontà, Vitiello, Kone, Caravaca. All.: Vincenzo Maiuri.

CASERTANA (4-3-3): Venturi; Calapai, Celiento, Sciacca, Anastasio; Toscano, Proietti, Damian (76’ Montalto); Taurino (46’ Casoli), Tavernelli, Curcio (76’ Carretta). A disp. Marfella, Ploskonos, Soprano, Matese, Galletta, Paglino, Turchetta, Cadili. All. Vincenzo Cangelosi

ARBITRO: Mattia Ubaldi di Roma1 (Giulia Tempestilli di Roma2 e Giovanni Pandolfi di Castelfranco Veneto; IV Ufficiale Riccardo Tropiano di Bari)

RETI: 9’ Damian; 47’ Ravasio

NOTE: pomeriggio sereno, temperatura intorno ai 15°; terreno in perfette condizioni; spettatori 2500 circa di cui oltre 350 provenienti da Caserta; angoli 2-2; ammoniti Badje, Daman, Anastasio, Cuccurullo, Sciacca; recupero 4’ e 5’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana chiude il 2023 con un pareggio: con il Sorrento è 1-1

CasertaNews è in caricamento