rotate-mobile
Calcio

Casertana, gol e spettacolo: i falchetti sono quarti e volano al secondo turno dei play off

Sorrento in vantaggio in apertura, ma poi è tutto un monologo rossoblù

Tutto in una volta. Casertana e Sorrento affidano ai 90 e passa minuti del Pinto le ansie, il lavoro, i sacrifici di una intera stagione. In palio per i rossoblù un prestigioso quarto posto finale che potrebbe dire partire con un vantaggio non da poco nella griglia dei play off; per gli ospiti rossoneri la conquista di un posto nella post season, ciliegina sulla torta di un campionato disputato al di sopra delle attese; per entrambe – provenienti dalla Serie D – un punto di partenza di rilievo assoluto per un futuro più radioso al tavolo delle grandi del calcio italiano. Il tutto contornato da una prestigiosa cornice, il pubblico del Pinto che spesso bistrattato e mortificato, ma quando c’è stata la necessità ha sempre fatto sentire il proprio calore ed il proprio incitamento ai propri beniamini. 

LE SCELTE. Per l’occasione Cangelosi continua col 4-2-3-1 che continua a dare buoni frutti riproponendo Sciacca in difesa al posto di Calapai, che va in panchina dopo tempo immemore, centrocampo composto da Deli e Damian mentre c’è il solito trio formato da Carretta, Curcio e Tavernelli a supporto di Montalto, punta centrale; solo panchina per Proietti, Toscano e tutti gli altri che a rotazione sono stati protagonisti della cavalcata rossoblù. Maiuri – squalificato e che opera attraverso il suo secondo Felice Scotto - conferma quasi in blocco la formazione annunciata con l’inserimento dal 1’ dell’ex Vincenzo Di Somma (ex insieme a Blondett) nella linea difensiva al posto di Vitiello ed in avanti di Aristidi Kolai con Vitale a formare i due esterni a supporto della punta centrale Ravasio. In panchina gli attaccanti Martignago e Riccardi pronti a subentrare in caso di necessità

PRIMO TEMPO. Si parte con qualche minuto di ritardo rispetto all’orario previsto per consentire la contemporaneità di tutti i match della giornata. Ritmi sostenuti sin dall’inizio   con e due squadre che non hanno bisogno di tanto tempo per prendere le misure agli avversari. La prima occasione è offerta a Carretta che si porta in buona posizione, ma all’ultimo momento viene contrato in angolo. Risponde il Sorrento all’8’ con Vitale che impegna Venturi ad una complicata respinta a pugni chiusi. Al 9’ il Sorrento passa: Bacchetti è costretto a ricorrere alle maniere rudi per fermare La Monica; la mattonella è ideale per De Francesco che indovina l’angolino basso alla sinistra di Venturi. La reazione dei falchetti è immediata: la palla viaggia sulla fascia sinistra per pervenire a Deli che fa partire un tiro velenoso che bacia il palo alla destra di Del Sorbo e si infila in rete. Il sorpasso è servito poco prima della mezz’ora: l’azione parte ancora da Deli che infila in profondità per Curcio il cui traversone in area è raccolto in splendida acrobazia da Montalto, la cui rovescia si infila tra una selva di gambe dei difensori rossoneri e si infila in rete. Sule ali dell’entusiasmo la Casertana offre un calcio spettacolo poche volte visto a queste latitudini e al 39’ arriva il tris grazie ad un’azione corale partita dai piedi di Curcio, proseguita con l’assist di Montalto per Deli che non deve fare altro che depositare la palla in rete. Nei minuti finali arrivano altri guizzi, prima con Tavernelli che parte di gran carriera sulla sinistra, si accentra e fa partire un tiro che sorvola di poco la traversa e poi col miracolo di Venturi su conclusione di Kolaj che permette ai falchetti di conservare il doppio vantaggio prima di arrivare all’intervallo. Nei minuti di recupero arrivano notizia però poco confortanti per la truppa di Cangelosi: innanzitutto il doppio vantaggio del Taranto a Latina che potrebbe permettere alla squadra di Capuano di operare il sorpasso in classifica in caso di accoglimento del ricorso degli ionici e poi il vantaggio del Catania sul Benevento che potrebbe proiettare gli etnei ai play off, nella fattispecie al quarto posto in virtù della Coppa Italia recentemente conquistata. 

SECONDO TEMPO. Come per la prima frazione, anche la seconda comincia col ritardo per dare contemporaneità a tutti i campi. Non ci sono sostituzioni sull’uno e sull’altro fronte e si riparte con lo stesso ritmo che ha caratterizzato il primo tempo, ma è sempre la Casertana a fare la gara. Al 5’ Tavernelli, lanciato in profondità, si presenta davanti a Del Sorbo che gi sbarra la strada rifugiandosi in angolo. All’11’ ci prova Ravasio con una girata che finisce alta sulla traversa. Maiuri cerca di dare la scossa ai suoi, inserendo i due attaccanti in panchina tra cui Riccardi che poco dopo il suo ingresso trova il gol che riapre la partita: nel grigiore generale dei rossoneri il suo gol – slalom che fa fuori diversi falchetti – dal limite è una piccola perla. Ma è il canto del cigno dei ragazzi di Maiuri che praticamente escono di scena. Al 20’ torna al gol Tavernelli che in seguito ad una punizione calciata dalla destra raccoglie un prezioso assist di Montalto per far secco Del Sorbo. C’è comunque modo per Venturi di guadagnare il suo premio partita sventando in angolo una conclusione di Di Somma. Il match è definitivamente chiuso al secondo di recupero da Carretta che messo in movimento sulla destra direttamente da Venturi arriva al limite e scaglia il tiro che non dà scampo al giovane D’Aniello, nel frattempo subentrato al titolare Del Sorbo. Finisce tra gli applausi scroscianti del Pinto coi tifosi in festa per la conferma del quarto posto finale ottenuto dai falchetti. Ora la palla passa al Collegio di Garanzia del Coni, chiamato a deliberare sul ricorso del Taranto che se conferma la sentenza di primo grado spedisce la Casertana al secondo turno del girone dei play off, dopo che la fase Nazionale della post season è appannaggio del Catania che la raggiunge con Avellino e Benevento in virtù della conquista della Coppa Italia. Se dovesse essere confermata la situazione attuale la Casertana dovrebbe entrare in gioco il prossimo 7 maggio. 

CASERTANA – SORRENTO 5-2

CASERTANA (4-3-3): Venturi; Celiento, Sciacca, Bacchetti, Anastasio; Deli (63’ Matese), Damian; Carretta, Curcio (83’ Taurino), Tavernelli (67’ Proietti); Montalto (83’ Rovaglia). A disp. Marfella, Fabbri, Toscano, Soprano, Galletta, Casoli, Paglino, Calapai, Turchetta. All. Vincenzo Cangelosi

SORRENTO (4-3-3): Del Sorbo (73’ D’Aniello); Blondett, Di Somma, Fusco, Loreto; La Monica (54’ Riccardi), De Francesco, Cuccurullo (73’ Palella); Vitale (86’ Petrone), Ravasio, Kolaj (54’ Martignago). A disp. Albertazzi, Scala, Colombini, Morichelli, Bonavolontà, Vitiello, Sorrentino. All. Felice Scotto (Maiuri squalificato)

ARBITRO: Valerio Pezzopane di L’Aquila (Simone Biffi di Treviglio e Michele Decorato di Cosenza; IV Ufficiale Simone Palmieri di Avellino)

RETI: 9’ De Francesco; 11’ Deli; 29’ Montalto; 37’ Deli; 66’ Tavernelli, 92’ Carretta

NOTE: pomeriggio primaverile, temperatura intorno ai 22°; terreno in perfette condizioni; spettatori 3500 circa di cui quasi 150 provenienti da Sorrento; angoli 3-2 per il Sorrento; ammoniti Deli, Carretta, Sciacca; recupero 2’ e 5’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casertana, gol e spettacolo: i falchetti sono quarti e volano al secondo turno dei play off

CasertaNews è in caricamento