Politica Alife

"Ricorso inammissibile", Della Rocca resta presidente del Consorzio

Il Tar dice "no" a Santagata. Dovrà ricorrere al giudice ordinario

Franco Della Rocca resta Presidente del Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano. La prima sezione del Tar Campania ha respinto il ricorso presentato dall'ex presidente Alfonso Santagata dichiarandolo "inammissibile per difetto di giurisdizione". Lo stesso dovrà essere presentato al giudice ordinarui. L'elezione del nuovo presidente era stata impugnata da Santagata all’indomani della elezione a maggioranza di Della Rocca da parte del Consiglio dei Delegati, nella seduta del 31 maggio scorso.

I giudici amministrativi della prima sezione, presieduta da Salvatore Veneziano, hanno stabilito che il ricorso andava presentato dinanzi al Giudice ordinario, respingendo quindi il reclamo di Santagata, difeso dagli avvocati Tammaro e Vittoria Chiacchio, e confermando alla guida dell’Ente consortile Della Rocca, difeso dall’avvocato Stefano La Marca di Dragoni.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente eletto Della Rocca e dalla sua maggioranza che fa riferimento al consigliere regionale Giovanni Zannini: "Finalmente anche il Tar Campania ha legittimato la mia carica di Presidente e la scelta della nostra maggioranza di eleggere un nuovo vertice per il Consorzio di Bonifica. Spero vivamente che adesso cessino le polemiche e le voci di un imminente commissariamento messe in giro da chi non ha mai accettato il responso democratico e libero del Consiglio dei Delegati perché il Sannio Alifano ha bisogno del contributo di tutti. Noi continueremo a lavorare sodo come abbiano fatto in questi primi 4 mesi e la nostra azione amministrativa in favore di utenti, dipendenti ed Ente non si fermerà mai”, dichiara Della Rocca. Sin da subito, il Consorzio aveva eccepito l’inammissibilità del ricorso per difetto di giurisdizione e sulla base di altri rilievi (mancata evocazione in giudizio della Regione e di tutti i controinteressati, acquiescenza e divieto di abuso del diritto, genericità e omessa impugnazione degli atti presupposti), chiedendone nel merito il rigetto, con il Tar di Napoli che ha anche fatto rilevare che il ricorso andava personalmente notificato al Presidente eletto, titolare di un proprio diretto interesse alla conservazione della carica, mentre è stato notificato ma ad altri due soggetti, i consiglieri delegati Di Muccio e Durante, nonché al Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano, esclusivamente “in persona dell’organo legale rappresentante pro tempore”.

Nel merito della dichiarazione di difetto di giurisdizione, i giudici amministrativi hanno evidenziato che “in tema di società per azioni partecipata da ente locale, la revoca dell'amministratore di nomina pubblica, ai sensi dell'art. 2449 c.c., può essere da lui impugnata presso il giudice ordinario, non presso il giudice amministrativo, trattandosi di atto "uti socius", non "jure imperii", compiuto dall'ente pubblico "a valle" della scelta di fondo per l'impiego del modello societario. L'amministratore revocato dall'ente pubblico, come l'amministratore revocato dall'assemblea dei soci, può chiedere al giudice ordinario solo la tutela risarcitoria per difetto di giusta causa, a norma dell'art. 2383 c.c., non anche la tutela "reale" per reintegrazione nella carica, in quanto l'art. 2449 c.c. assicura parità di "status" tra amministratori di nomina assembleare e amministratori di nomina pubblica”.

Per il Tar Campania, “la predetta giurisprudenza è applicabile anche ai Consorzi, trattandosi di soggetti giuridici autonomi rispetto agli enti consorziati, nonché titolari di competenze proprie, da svolgersi secondo logiche di tipo imprenditoriale, attesa la loro natura di enti pubblici economici, restando altresì estranei ad una configurazione di intima strumentalità rispetto all’ente locale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ricorso inammissibile", Della Rocca resta presidente del Consorzio

CasertaNews è in caricamento