rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Politica Aversa

Elezioni, Moderati e Noi Aversani: "Coalizione su modello Magliocca". La Lega si sfila, nodo Fdi

La compagine vicina al consigliere regionale Zannini ribadisce la volontà di "un'alleanza civica e programmatica". Di Dato nega partecipazione al tavolo: "Mai con chi sostiene De Luca"

Tutti contro tutti, riunioni vere, presunte, segrete, ufficiali ed ufficiose. Partecipazioni a tavoli politici poi rinnegate, rappresentanti di partiti, liste civiche e qualcuno solo di sé stesso e nessun candidato sindaco ufficiale. Questa la situazione politica aversana a meno di tre mesi dalla presentazione delle liste per le amministrative in programma il prossimo 8 e 9 giugno.

I Moderati e Noi Aversani

Gli ex consiglieri comunali che fanno riferimento al consigliere regionale Giovanni Zannini fanno quadrato. "I Moderati per Aversa e Noi Aversani – hanno fatto sapere in una nota - ribadiscono la ferma determinazione di andare in direzione di una coalizione civica, programmatica, con le forze che sostengono in Provincia il presidente Magliocca”. Così le forza civiche di centro hanno risposto agli ultimi rumors. E poi l’elenco di chi, al momento, avrebbe aderito alla costituenda coalizione di centro: “Stiamo registrando numerosi punti di convergenza con gli amici Orlando De Cristofaro, Francesco Di Palma, Raffaele de Gaetano, Gianpaolo Dello Vicario, Alfonso Oliva, Carlo Di Dato, Vincenzo Gallozzi, Nicola De Chiara e Mimmo Palmieri. Così come siamo convinti della necessità di coinvolgere anche altre importanti energie e rappresentanze delle città con cui sono in corso utili interlocuzioni e che sono orientate in questa stessa direzione”.

Il nodo Fratelli d'Italia 

Le forze civiche invocano un presunto “modello Magliocca” parlando di un'interlocuzione con Alfonso Oliva, consigliere comunale uscente e candidato in pectore di Fratelli d'Italia e del centrodestra, dimenticando che solo pochi giorni fa il presidente provinciale di Fdi, Gimmi Cangiano, ha detto a chiare lettere che l'unico perimetro possibile è quello del centrodestra. Impossibile pensare ad una coalizione dove possano convivere i sostenitori del governatore Vincenzo De Luca con quelli della premier Giorgia Meloni.

Tanta destra nel centro

La costituenda coalizione di centro, inoltre, ha davvero tanto di centrodestra: Orlando de Cristofaro, già consigliere comunale eletto in quota Udc nel 2012 nonché figlio di Enrico, sindaco per una coalizione civica di centrodestra dal 2016 al 2019; Francesco di Palma, consigliere comunale eletto in Forza Aversa in una coalizione di centrodestra; Raffaele de Gaetano, assessore in una coalizione civica di centrodestra e candidato alle comunali del 2019 con Forza Italia; Gianpaolo dello Vicario, già vicepresidente della Provincia per Forza Italia ed attuale dirigente del partito di Berlusconi; Alfonso Oliva, componente del direttivo provinciale di Fratelli d’Italia, consigliere comunale uscente e candidato in pectore dei meloniani; Carlo Di Dato, rappresentante per la Lega ad Aversa. Ed ancora: Vincenzo Gallozzi, di Noi Moderati di Lupi che è all’interno della maggioranza di Governo di centrodestra; Nicola de Chiara, vicesindaco di Mimmo Ciaramella negli anni 2010 in una coalizione di centrodestra, e Mimmo Palmieri candidato alle ultime elezioni (e non eletto) con Forza Italia. 

Scoppia il caso della Lega ad Aversa

Alla nota dei Moderati e Noi Aversani è arrivata, immediata, la smentita della Lega che ha negato la partecipazione al tavolo del centro. “Carlo Di Dato, portavoce della Lega nella città normanna, con particolare fermezza, ribadisce di non aver partecipato né aderito a riunioni con rappresentanti di partiti esterni al perimetro del Centro Destra”, si legge in una nota diramata in serata. Il tavolo della costituenda alleanza di centro/centrodestra, quindi, ha perso un altro pezzo. “Non ho chiesto mai mandato al partito di partecipare a riunioni con rappresentanti di partiti del centro sinistra e/o sostenitori di De Luca. Non credo che la Lega possa avvicinarsi a schieramenti cosi composti. Né ho motivi personali per partecipare o aderire", sottolinea Di Dato che chiosa: “Sono certo altresì, che insieme al Centro Destra ed a forze civiche con cui si ha una storia comune, la Lega definirà in tempi strettissimi, il perimetro della coalizione e soprattutto le linee programmatiche per il riscatto ed il buon governo della Città di Aversa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Moderati e Noi Aversani: "Coalizione su modello Magliocca". La Lega si sfila, nodo Fdi

CasertaNews è in caricamento