Politica

SPECIALE CASERTA Dopo quasi 24 ore ufficializzato il dato delle liste. Ma è giallo sui voti dei candidati a sindaco

Verifiche in Prefettura sul conteggio reso noto dal Ministero che aumenta il distacco tra Marino e Zinzi

Il dato è tratto. Sono stati ufficializzati dopo quasi 24 ore i dati delle elezioni amministrative di Caserta. Come era nelle previsione, toccherà aspettare il ballottaggio per capire chi tra il sindaco uscente Carlo Marino ed il candidato del centrodestra Gianpiero Zinzi riuscirà a spuntarla. Il dato finale del primo turno racconta di 16.378 preferenze raccolte dal sindaco uscente del Pd contro le 12.244 del rivale. Pio Del Gaudio ha portato a casa 5.282 voti, piazzandosi davanti a Romolo Vignola con 4.350 voti e Raffaele Giovine con 3.288 voti. Errico Ronzo si è fermato a 888 preferenze, mentre Ciro Guerriero a 287. Ma proprio sui voti dei candidati sindaci si apre un piccolo giallo legato al fatto che Zinzi, Del Gaudio, Vignola, Giovine, Ronzo e Guerriero hanno preso tutti voti maggiori rispetto al dato delle liste mentre Marino risulterebbe aver preso lo stesso numero di voti della sua coalizione. Un dato che potrebbe essere errato e sul quale sono in corso verifiche da parte della Prefettura anche in considerazione del fatto che, dal sito del Comune di Caserta, invece, seppur aggiornato ad 88 sezioni su 91, lo scarto tra Marino e Zinzi sarebbe di circa 2mila voti (rispetto ai 4mila riportati dal Ministero). Anche perché il dato del distacco è cambiato "improvvisamente" nella mattinata di oggi dopo che era stato costante per tutta la giornata e la notte. E come se non bastasse, giunge segnalazione che l'ufficio elettorale del Comune sarebbe stato chiuso e che riaprirebbe domani. Caos su caos.

Sul fronte liste, invece, la più votata è stata ‘Moderati-Insieme’ che ha raccolto il 12,38% nella coalizione di Carlo Marino, davanti al Partito democratico che si è fermato all’8,7% (molto al di sotto di quelle che erano le aspettative). Italia Viva raccoglie il 6,36%, Noi Campani il 5,6%, Origini il 4,5%. Sul fronte opposto, ZInzi si gode il successo della civica che porta il suo nome che supera il 10%, davanti a Fratelli d’Italia col 7,9%. Bene anche Prima Caserta, la lista messa in piedi dal vice coordinatore provinciale Pietro Falco, che ha raccolto oltre 2mila preferenze pari al 5,25%. Nella coalizione di Del Gaudio, invece, la spunta Caserta Tu col 3,05% davanti a ‘Casertiamo’ col 2,69% e Città Futura che sia ferma all’1,69%. Speranza per Caserta e ‘Io Firmo per Caserta’ raccolgono insieme quasi l’8% per Vignola, mentre un’ottima affermazione è quella registrata da Caserta Decide di Raffaele Giovine che arriva al 5,23%

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SPECIALE CASERTA Dopo quasi 24 ore ufficializzato il dato delle liste. Ma è giallo sui voti dei candidati a sindaco

CasertaNews è in caricamento