rotate-mobile
Politica

Elezioni. Calenda rompe col Pd. Nuovi scenari per le candidature

Azione potrebbe andare con Italia Viva. Tornano in auge le candidature di Santantelo e Caputo

Carlo Calenda rompe ufficialmente col Pd in vista delle elezioni politiche.

L’accordo è durato poco meno di una settimana ed è stato picconato dall’intesa raggiunta da Enrico Letta con Sinistra Italiana e Verdi. Lo ha ufficializzato nel corso di Mezz’ora in più, il programma di Lucia Annunziata in onda su Rai 3 nel primo pomeriggio di domenica 7 agosto. “È una delle decisioni più sofferte da quando faccio politica – ha dichiarato Calenda in apertura di trasmissione – questa legislatura ha visto tutto e il contrario di tutto”. “Alla vigilia di queste elezioni, io ho intrapreso un negoziato con il Pd perché non ho mai avuto l’intenzione di distruggere il Partito Democratico. Ho fatto un negoziato con Enrico Letta cercando di costruire un’alternativa di governo”.

Ora l’ipotesi è che Azione possa chiudere una intesa con Matteo Renzi ed Italia Viva e questo potrebbe aprire scenari nuovi anche per i candidati casertani. Tornerebbero così in auge le candidature del consigliere regionale di Maddaloni Vincenzo Santangelo nel collegio uninominale alla Camera e dell’assessore regionale di Teverola Nicola Caputo al Senato.

Ma la rottura con Azione libererà anche dei posti per i candidati casertani del Pd nei colleghi che erano stati concessi ad Azione (circa il 30% su base nazionale). Le prossime ore saranno infuocate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni. Calenda rompe col Pd. Nuovi scenari per le candidature

CasertaNews è in caricamento