menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piccolo Festival della politica: quattro giorni di dibattiti e confronti plurali

Sant'Agata De' Goti - "Senza dubbio siamo un Paese che sente di essere nel mezzo di un passaggio assai difficile della sua storia. E sente di affrontare questo passaggio senza guida, abbandonato agli eventi, al giorno per giorno. Nessuno è in...

"Senza dubbio siamo un Paese che sente di essere nel mezzo di un passaggio assai difficile della sua storia. E sente di affrontare questo passaggio senza guida, abbandonato agli eventi, al giorno per giorno. Nessuno è in grado di dirgli qualcosa circa il futuro che lo aspetta, che ci aspetta. Nessuno vuole o sa parlare alla sua mente e al suo cuore. Nessuno è capace di indicargli una via e una speranza. Ma che cos'è questo se non il compito della politica? Ecco allora il vero cuore duro della nostra crisi. Ciò di cui l'Italia è oggi drammaticamente e specialmente priva è la politica. Non riusciamo a farci una ragione del presente e a vedere come affrontare il futuro perché ci manca la politica" (E.Galli Della Loggia, Corsera 7/09/2010)

"L'analisi di Galli della Loggia è la sintesi perfetta alla quale affidare il compito di motivare la nascita del Piccolo Festival della Politica. La crisi della politica, espressa in termini di credibilità delle classi dirigenti, si sostanzia nell'assenza di una reale tensione costruttiva. Da più parti si denuncia lo smarrimento di una vocazione a progettare un futuro prossimo: la politica ha smarrito la sua mission perché teme o è consapevole di non avere più a disposizione i mezzi per fornire certezze alle nostre comunità. Oppure, al contrario, c'è da pensare che il crescente richiamo ad una politica dei fatti e del fare più che una reazione alla politica delle parole inconcludenti, nasconda in realtà l'incapacità di far sbocciare una nuova politica dialogante. Nell'una o nell'altra ipotesi, però, è necessario andare alla verifica, è opportuno comprendere da dove, come e con chi ripartire. Sono queste le motivazioni che richiedono un confronto a più voci che ha come scopo quello di indagare e monitorare lo stato di salute della politica nostrana. Ecco dunque, svelato il senso di un Festival dedicato alla politica: festival inteso quale massima forma di comunicazione popolare e multipolare, quale luogo privilegiato dove per entrare occorre abbandonare gli schematismi per esaltare le proprie appartenenze. Festival, infine, perché un giudizio conclusivo sulle proprie idee è lasciato esclusivamente al cittadino-pubblico. Sulla scorta di questa premessa - precisa Domenico Giordano, ideatore e coordinatore del Festival - pertanto, si è pensato un progetto - laboratorio che potesse esaltare la pluralità delle posizioni politiche e la possibilità di esprimerle in un contenitore neutro.
Il Festival, promosso da Arcadia Communications è patrocinato dalla Provincia di Benevento, dal Comune di Sant'Agata de'Goti e dall'AICOP, l' Associazione Italiana dei consulenti politici e di public affairs. In allegato si trasmette un'anteprima del programma che sarà presentato ufficialmente nel corso della conferenza stampa che si terrà a Benevento il 1 settembre alle ore 11.30 presso l'Aula Consiliare della Rocca dei Rettori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento