menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Metti in conto un albero, il giornale della Bnl racconta la Citt

Aversa - "Metti in conto un albero" è l'iniziativa con cui le nuove Agenzie BNL fanno un regalo moltospeciale al territorio che le ospita: un albero messo a dimora per ogni conto corrente apertonei primi sei mesi di attività dello sportello...

"Metti in conto un albero" è l'iniziativa con cui le nuove Agenzie BNL fanno un regalo moltospeciale al territorio che le ospita: un albero messo a dimora per ogni conto corrente apertonei primi sei mesi di attività dello sportello. L'obiettivo è chiaro: dare una mano ai Comuni adabbattere le emissioni di gas serra, sull'onda delle raccomandazioni dei protocolli internazionaliper la salvaguardia del clima. Ma anche, nell'immediato, rinfoltire le aree verdi delle nostre città,per contribuire a migliorare la qualità della vita dei cittadini e dell'aria che respirano. Agli occhidei clienti, "mettere in conto" un albero può rivelarsi un'opzione dal valore ben diverso daquello espresso dai tradizionali benefit con cui le banche incentivano i neocorrentisti. Con unimpatto che non è solo simbolico, visto che il primo estratto conto riporta la collocazione dellapianta messa a dimora, così che il cliente possa individuare il "suo" albero nella città in cui vive.L'iniziativa non nasce da un'idea estemporanea. È dal 2008 che la Banca è impegnata inun Percorso di Ecosostenibilità che ha come valori-cardine il legame con il territorio e unacrescita rispettosa dell'ambiente: «Siamo fiduciosi che "Metti in conto un albero" attiverà uncircuito virtuoso tra banca e cliente a vantaggio dell'ambiente e di chi lo vive», ha spiegatol'amministratore delegato di BNL Fabio Gallia. I primi risultati? Si possono già vederepasseggiando per Modena e Aversa, le prime cittadine in cui la Banca ha siglato accordi con leamministrazioni municipali.
«Quando la Banca ci ha contattato, l'idea ci è subito piaciuta e in pochi giorni ci siamo attivatiper fare la nostra parte» - racconta l'assessore all'Ambiente di Aversa Luciano Luciano. «L'ideadi scegliere le scuole di proprietà del nostro Comune - 22 fra istituti di istruzione materna,elementare e media - risponde oltretutto alle linee guida ministeriali che invitano a promuoverefra i ragazzi il consumo di frutta di produzione locale: una premessa perfetta per puntare sullepiante di agrumi». "Mettere in conto" nuovi alberi è un'opzione che Luciano raccomanda aicolleghi delle altre città: «Noi abbiamo avuto la fortuna di lavorare con una partner entusiastae disponibile come la Direttrice della Filiale Eleana Parillo, ma è un'iniziativa tecnicamentesemplice da realizzare: qualunque Comune può metterla in cantiere con un investimentodavvero ridotto e un minimo di buona volontà».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento