menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100330073223_congresso

20100330073223_congresso

Letizia Domenico: 'La scelta di candidatura di un antiparlamentare'

Maddaloni - L'anarchico liberale di Maddaloni, Letizia Domenico si racconta dopo la corsa alle regionali nella circoscrizione Napoli e provincia per la Lista Bonino- Pannella.Queste elezioni sono state davvero particolari, si è vissuto in prima...

L'anarchico liberale di Maddaloni, Letizia Domenico si racconta dopo la corsa alle regionali nella circoscrizione Napoli e provincia per la Lista Bonino- Pannella.Queste elezioni sono state davvero particolari, si è vissuto in prima persona tutta la campagna qualunquista, populista e illegale delle grandi formazioni politiche, elezioni difficili ma che mi hanno consentito, e di questo ne sono fiero, di diffondere idee. Ho ricevuto un ottimo appoggio da molti amici libertari e molta fiducia dai radicali campani, ovviamente stesso all'interno del mondo libertario vi è chi mi ha chiesto il perché di questa mia scelta elettorale nonostante le mie passate iniziative astensioniste.
Qui mi voglio soffermare: In Italia una forza autenticamente antiproibizionista per molti tratti libertaria, quella della galassia radicale rischiava e rischia di scomparire dal dibattito politico, per gli amanti della libertà questo è gravissimo oltre che sconfortante, la storia radicale con tutti i cambiamenti e le svolte rappresenta comunque una storia di sincerità e amore per la libertà, per l'individuo e per la sua capacità di scelta. Mai come in queste tempi vivo la paura di perdere in nome di una protezione, da chi non si è capito, le ultime briciole di libertà che ancora rimangono, l'attacco al mondo quasi libero di Internet, la censura dei blog, la massacrante condizione dei migranti in questo paese, la morte che continua all'interno delle strutture detentive dello stato, il rafforzarsi del potere politico e della casta, la mancanza di scelte personali per il proprio corpo e potrei a lungo continuare.Insomma lo stato e chi detiene il potere continua a praticare una sorta di terrorismo psicologico inculcando paura e voglia di sicurezza, ovviamente per abituare il 'gregge' a perdere sempre più libertà in nome di una fantomatica sicurezza. In questa campagna elettorale ho avuto, per quello che la stampa ha concesso, accesso all'informazione per diffondere libertà e voglia di libertà, sperando in una vittoria della sovranità individuale un giorno, ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuto.

Permettetemi una considerazione, l'appello lo rivolgo a tutti coloro che hanno, e sono stati tanti, accettato favori, sistemazioni e anche il semplice compenso per un volantinaggio continuo in cambio poi del voto, siete il cancro della società, l'essenza stessa dello schiavismo, insomma, finche non imparerete a dar fiducia alla libertà e la libertà non vi regala 20, 25 o 30 euro staremo sempre lì, senza una rivoluzione culturale non vi sarà mai una rivoluzione politica.
Un saluto particolare lo dedico agli amici libertarian spagnoli del Partido de la Libertad Individual che alcuni giorni fa mi hanno inviato una lettera e una tessera iscrivendomi come simpatizzante al loro movimento."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Muore per Covid dopo il ricovero in ospedale: aveva 66 anni

  • Cronaca

    Diocesi in lutto, è morto don Pietro De Felice

  • Cronaca

    Marito e moglie positivi se ne vanno in giro per strada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento