menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scrutatori, Pdl: 'Cennami e lUdc continuano a privilegiare scelte clientelari'

Mondragone - "Nella riunione della commissione elettorale comunale per la nomina degli scrutatori per le prossime elezioni regionali e provinciali il Sindaco Cennami e la sua maggioranza hanno respinto la richiesta del gruppo consiliare del Pdl di...

"Nella riunione della commissione elettorale comunale per la nomina degli scrutatori per le prossime elezioni regionali e provinciali il Sindaco Cennami e la sua maggioranza hanno respinto la richiesta del gruppo consiliare del Pdl di ricorrere al metodo del sorteggio pubblico per individuare gli aventi diritto. L'amministrazione comunale e la sinistra cittadina, su questo tema, hanno rifiutato qualsiasi tentativo di dialogo e di confronto, resistendo pervicacemente sulle loro posizioni, optando per la strada della divisione proporzionale tra i partiti politici e l'indicazione nominativa da parte di questi. Prendiamo atto con rammarico che si tratta di un'occasione perduta per Mondragone, l'ennesima, sulla strada della trasparenza e della partecipazione condivisa alle scelte. Per questo, in segno di protesta, il gruppo consiliare del Pdl in seno alla commissione, ha fatto mettere a verbale la richiesta del ricorso al metodo del sorteggio pubblico, chiedendo - alla presenza di numerosi cittadini - all'ufficio elettorale comunale di procedere comunque ad individuare con il metodo del sorteggio pubblico gli scrutatori che, in base alla divisione proporzionale, Cennami e la sua maggioranza hanno deciso di riconoscere al Pdl. Il Sindaco Cennami e la maggioranza di sinistra che, insieme all'Udc, lo sostiene hanno ancora una volta scelto la strada dell'arroganza e della prevaricazione, facendo diventare la scelta degli scrutatori per le prossime elezioni regionali e provinciali l'ennesima occasione di accaparramento di caselle. Era giusto, invece, evitare nell'individuazione degli scrutatori ogni forma di clientelismo o di speculazione politica, optando per un metodo che assicurasse a tutti le medesime opportunità di partecipazione, specie in questo delicato momento di crisi economica, imparzialità e trasparenza nella scelta. Evidentemente, Cennami, la sinistra ed i loro alleati del momento, spinti anche dalla paura di una sonora sconfitta nell'urna elettorale, hanno fatto prevalere l'esclusivo tornaconto di bottega, lasciando che questa scelta sia operata nelle segrete stanze dei partiti, a beneficio di pochi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tre bambini contagiati, il sindaco chiude 2 scuole

  • Cronaca

    Tragedia nella frazione: 40enne trovata morta in casa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento