menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Andrea Boggia(Pdl): 'Dedicare strada ai Martiri delle Foibe'

Piedimonte Matese - "Anche Piedimonte ha il dovere morale di non dimenticare. Rinnovo anche quest'anno la proposta di intitolare una strada, una piazza o un parco cittadino ai Martiri delle Foibe. In tanti comuni italiani, questa decisione è stata...

"Anche Piedimonte ha il dovere morale di non dimenticare. Rinnovo anche quest'anno la proposta di intitolare una strada, una piazza o un parco cittadino ai Martiri delle Foibe. In tanti comuni italiani, questa decisione è stata già presa. Perché qui non se ne discute neppure?". E'la richiesta di Andrea Boggia, dirigente della Giovane Italia, movimento giovanile del Popolo della Libertà. "Con la legge 92 del 30 marzo 2004 il Parlamento italiano ha istituito il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo" al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. L'attuale amministrazione comunale, ad onor del vero, dopo le sollecitazione della allora Azione Giovani, da due anni orsono coinvolge le scuole in progetti di memoria per la giornata del 10 Febbraio. Ma c'è ancora da fare". Infatti, aggiunge Boggia, "è necessario ai fini educativi e morali che il ricordo delle vittime delle violenze anti-italiane nel silenzio dei comunisti italiani dell'epoca sia imperituro. quella drammatica pagina della storia nazionale deve trovare spazio nella memoria collettiva non solo per un giorno all'anno."
L'occupazione jugoslava, che a Trieste durò quarantacinque giorni - ricorda il dirigente di G.I. - fu causa non solo del fenomeno delle foibe, ma anche delle deportazioni nei campi di concentramento jugoslavi di popolazioni inermi; in Istria, a Fiume e in Dalmazia, invece, la repressione jugoslava costrinse oltre 300 mila persone ad abbandonare le loro case per fuggire dai massacri e poter mantenere la propria identità italiana. Spero - conclude Andrea Boggia- che l'amministrazione comunale valuti concretamente la proposta. La storia repubblicana ha troppo a lungo dimenticato, o finto di dimenticare. <> indicherebbe un passo in avanti verso la verità anche per Piedimonte Matese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento