menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magistratura onoraria e giudici di pace, l'impegno dell'Ordine degli Avvocati

Aversa - «Unire le voci delle associazioni forensi che lanciano allarmi sulle problematiche della magistratura onoraria, per arrivare ad una soluzione che vada a beneficio di tutti». E' quanto indicato dal presidente dell'Ordine degli Avvocati di...

«Unire le voci delle associazioni forensi che lanciano allarmi sulle problematiche della magistratura onoraria, per arrivare ad una soluzione che vada a beneficio di tutti». E' quanto indicato dal presidente dell'Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere, Elio Sticco, al convegno nazionale «Analisi e prospettive del Giudice di Pace» tenutosi ieri (30 novembre) presso il Castello Aragonese di Aversa, alla presenza di cattedratici, giuristi e rappresentanti delle istituzioni. Il presidente dell'ordine forense - ospite con una delegazione rappresentata dai consiglieri Rosanna Raucci (delegata nazionale Cassa Forense), Alberto Bencivenga, Raffaella Di Tella e Alfonso Quarto - nel ringraziare il sostituto procuratore generale della Cassazione, Raffaele Ceniccola, coordinatore del convegno - ha ribadito la vicinanza alle associazioni dei giudici di pace impegnandosi a celebrare nello storico Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere (sede lo scorso ottobre dell'assise nazionale dell'avvocatura alla presenza del ministro Alfano) un convegno nazionale sulla delicata funzione della magistratura onoraria compresi Got, Goa, Vpo oggetto, spesso, del Consiglio dell'ordine forense con riunioni operative dedicate. Accennando a richiami storici del popolo normanno, Sticco ha evidenziato come ad Aversa il consiglio forense rappresenti una «famiglia» alla quale le associazioni possono far capo affinché anche nella città normanna si possa ottenere una sede dignitosa per svolgere la funzione del giudice di pace. La massima carica dell'ordine forense, inoltre, parlando di meritoria azione che sta svolgendo il Distretto di Napoli dell'Associazione Nazionale Giudice di Pace - di cui è presidente l'avvocato Nicola Di Foggia, in collaborazione con l'Associazione Forense Normanna, di cui è presidente l'avvocato Pasquale Fedele - non ha escluso appositi simposi nel Castello Aragonese dove ha sede la Scuola polizia penitenziaria diretta da Laura Passaretti. Interessanti le relazioni su luci ed ombre della funzione del giudici di pace tenute dallo stesso giudici Raffaele Ceniccola, dal presidente del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Andrea Della Selva; dall'on. Pasquale Giuliano (presidente commissione Lavoro e Previdenza sociale del Senato) insieme al sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo; Francesco Cerosimo, presidente dell'associazione nazionale Giudici di Pace; Luca Palamara, presidente Anm; Cosimo Maria Ferri, Celestina Tinelli e Luisa Napolitano (VII e VIII commissione Csm); Angela Napoli, componente della commissione giustizia della Camera dei Deputati ed esperti del settore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento