menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Audiovisivi della camorra al Teatro Giancarlo Siani

Montemarano - Mercoledì 14 Ottobre alle Ore 16,30 si terrà un incontro dal titolo: "Audiovisivi della camorra". Guardare in faccia e comprendere, attraverso scatti fotografici artistici, la pervasività della camorra in ogni aspetto della nostra...

Mercoledì 14 Ottobre alle Ore 16,30 si terrà un incontro dal titolo: "Audiovisivi della camorra". Guardare in faccia e comprendere, attraverso scatti fotografici artistici, la pervasività della camorra in ogni aspetto della nostra vita: dal pane che mangiamo alle onoranze funebri, tutto passa attraverso i simboli della violenza camorristica. Questo è il lavoro della poliedrica artista Rosaria Iazzetta che sarà presentato al Teatro Giancarlo Siani di Marano -Na-, una video presentazione sul binomio criminalità e vita quotidiana.
Analizzare la camorra vuole anche dire confrontarsi con i linguaggi musicali che determinano il consenso sociale nei confronti della subcultura camorristica di giovani che vivono realtà di profondo degrado.

Interverranno Rosaria Iazzetta e Iolanda NapolitanoLa prima parte dell'incontro riguarda gli strumenti audiovisivi della camorra, utilizzati dal "sistema". Con particolare riferimento ai neomelodici, dall'esplosione del fenomeno negli anni '90 alle trasformazioni degli ultimi anni. Si studieranno i diversi aspetti del rapporto tra camorra e mondo neomelodico: dalle canzoni usate come strumento di comunicazione per i clan, all'esaltazione dell'illegalità nei testi dovuta all'appartenenza alla stessa realtà locale e dunque alle stesse radici culturali, fino ai casi dei cosiddetti "boss poeti", autori di canzoni e poesie di successo.
La seconda parte, invece, mostra come gli strumenti visivi possono essere un mezzo per rappresentare il sopruso camorrista. La camorra utilizza metodi che non sono riconoscibili da tutti. L'interpretazione del le gesta e de i soprusi negli scatti fotografici permette di capire quanto è importante prendere parte al pensiero anticamorra. Combattere giorno per giorno il sopruso ci darà la possibilità di comprendere il vero senso della felicità, che da tempo abbiamo dimenticato e imprigionato nella paura. La felicità non è lontana dalla nostra volontà e dalla nostra coscienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento