menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Federico Del Prete, una giornata di legalit

Santa Maria La Fossa - L'inaugurazione dell'area mercato, che si svolgerà questa mattina, si tramuterà in un'occasione per una giornata per la legalità. L'area sulla quale è stata realizzata, infatti, è stata confiscata alla camorra. Ma il...

L'inaugurazione dell'area mercato, che si svolgerà questa mattina, si tramuterà in un'occasione per una giornata per la legalità. L'area sulla quale è stata realizzata, infatti, è stata confiscata alla camorra. Ma il significato della giornata organizzata dalla società agrorinasce di concerto con l'amministrazione comunale diviene ancora più pregnante in quanto si è voluta intitolare l'area mercato a Federico Del Prete, sindacalista degli ambulanti (lui stesso un ambulante) ucciso dalla camorra per aver denunciato il racket delle estorsion i proprio in danno della categoria. Il programma prevede due momenti: alle ore 10,00 è prevista l'inaugurazione dell'area mercato; mentre alle 11,00 circa si svolgerà un convegno sul tema: 'Legalità e Sviluppo per una terra senza più camorra', presso la scuola Media 'mons. Ernesto Mirra'. L'on. Nappi, assessore regionale all'agricoltura, scoprirà l'insegna dell'area. Procederà poi il sindaco dott. Antonio Papa al taglio del nastro con la benedizione dell'arcivescovo di Capua mons. Bruno Schettino. Hanno assicurato la loro presenza il prefetto Ezio Monaco; il questore Guido Nicolò Longo; il gen. Franco Mottola, comandante della Legione Carabinieri della Campania; il nuovo comandante provinciale dei carabinieri il col. Crescenzio Nardone (alla sua prima uscita pubblica); il cap. Carmine Rosciano, comandante della Compagnia Carabinieri di S. Maria Capua Vetere; il col. Francesco Saverio Manozzi, comandante provinciale della Guardia di Finanza; il dott. Raffaele Cantone, giudice di Cassazione; la d.ssa Egle Pilla, GIP presso il tribunale di Napoli; il sen. Gennaro Coronella; il sen. Pasquale Giuliano; il presidente dell'ordine degli avvocati del foro fi S. Maria Capua Vetere avv. Elio Sticco; il parroco don Sabatino Sciorio. Per la Confindustria di Caserta sarà presente Andrea Funari, delegato alla legalità dell'associazione; per la CGIL il segretario provinciale Colamonici; i responsabili dell'associazione 'Mò Basta'(associazione antiracket e antiusura); e i responsabili delle associazioni di categoria CIA e Coldiretti. Sarà presente altresì la famiglia di Federico Del Prete al quale l'area sarà dedicata. Invitati altresì gli on. Alfredo Mantovano; Nicola Cos! entino; Stefano Graziano; Pina Picierno, che non potranno essere presenti in quanto saranno trattenuti a Roma per il voto di fiducia alla Camera.
"L'iniziativa realizza quello che noi abbiamo posto al primo punto del nostro programma elettorale: la trasparenza e la legalità". E' quanto ha dichiarato il sindaco dott. Antonio Papa. Che ha continuato "Soprattutto questa manifestazione vuole essere un invito alla cittadinanza a prendere coscienza del danno che la criminalità organizzata provoca allo sviluppo socio - economico e culturale di un intero territorio".

"S. Maria La Fossa non può essere collegata all'idea della camorra - gli ha fatto eco il vice sindaco Salvatore Russo -. Non deve assurgere alle cronache solo per fatti negativi: vedi emergenza rifiuti. Con questa iniziativa si vuole fare emergere il vero volto del paese che è composto di persone oneste e lavoratrici. L'impegno nostro - ha detto ancora Russo - (e vorremmo che su questo le istituzioni non ci abbandonassero) è quello di porre le basi per creare sbocchi occupazionali per i giovani, perché è nella disoccupazione e nel disagio sociale che la criminalità attinge la sua manovalanza".
"Quella che stiamo vivendo è una tappa intermedia di un cammino che s'inizia con la progettazione e successiva realizzazione del parco giochi non a caso denominato 'Parco della Vittoria', costruito anch'esso su terreno confiscato alla camorra. Vittoria - ha spiegato Salvatore Luiso, assessore ai lavori pubblici - vuole essere la vittoria della legalità. Il secondo passo - ha continuato Luiso - è questo della realizzazione dell'area mercato che, su suggerimento di Agrorinasce abbiamo intitolato a Federico Del Prete. Il terzo passo sarà la realizzazione di un campetto di calcetto, che è stato già finanziato e del quale è stato approvato il progetto definitivo. Questo sorgerà nello spazio tra il parco giochi e l'area mercato. Ancora è stato approvato i l progetto definitivo del rimboschimento di altra zona che è ubicata al di là dell'argine che, trovandosi in zona golenica, non abbiamo potuto valorizzare diversamente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento