menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090817073757_ROANO

20090817073757_ROANO

Rifiuti, Roano chiede commissariamento comune

San Nicola la Strada - "Sui quotidiani della Campania risalta il contenuto della recente audizione del sottosegretario Bertolaso a Palazzo San Macuto. Non si comprende sulla base di quali parametri egli, pur nominato Commissario dal centrosinistra...

"Sui quotidiani della Campania risalta il contenuto della recente audizione del sottosegretario Bertolaso a Palazzo San Macuto. Non si comprende sulla base di quali parametri egli, pur nominato Commissario dal centrosinistra e promosso Sottosegretario dal centrodestra in merito all'Emergenza Rifiuti in Campania, possa distinguere tra i risultati ottenuti a Maddaloni (di cui ha chiesto lo scioglimento della compagine amministrativa comunale) e quelli invece raggiunti da San Nicola la Strada (per la quale non è previsto alcun provvedimento)". Ad affermarlo è il Presidente del ComEr di San Nicola La Strada, Antonio Roano. "Tutti e due i comuni, infatti" - ha aggiunto - "sono serviti in "malo" modo dal consorzio Jacta Jacorossi, entrambi sono pieni di immondizia ed ospitano fantomatici "centri di raccolta" largamente fuori norma. Il Comitato Emergenza Rifiuti Caserta (ComEr), che presiedo, ha inviato qualche mese fa una completa documentazione di tale sfacelo al Sottosegretario Bertolaso ed al Ministro degli Interni chiedendo di prendere provvedimenti nei confronti dell'amministrazione comunale di San Nicola la Strada per la mancata ottemperanza dei requisiti minimi richiesti dalle ultime disposizioni governative in materia di gestione dei rifiuti e di raccolta differenziata. Ancora oggi" - sottolinea Roano - "non si comprende come l'isola ecologica che si era impegnata a realizzare oltre un anno fa l'amministrazione Pascariello sia ancora nel libro dei sogni, mentre il principale centro di raccolta sannicolese, puzzolente e mal gestito, resta ubicato da circa due anni all'interno del piazzale del campo sportivo comunale dove si allenano i bambini ed i ragazzi. Senza contare che all'esterno dell'impianto si è creata una vera e propria discarica, adiacente alle costruende piscina e palazzetto del tennistavolo, il tutto al centro della città. Gli addetti della Jacta presenti in tali aree, costretti a lavorare in tali condizioni, sono da considerarsi "eroi". Non è azzardato paragonarli ai militari presenti in zone di guerra contaminate da agenti chimici" - denunzia pubblicamente Roano - "infatti non è raro vederli indossare vere e proprie maschere antigas, in un'area priva finanche dei più elementari servizi igienici. I presunti benefici dovuti alla differenziazione sono largamente deficitarii. La raccolta dell'umido è fatta male perchè vengono utilizzati molto spesso sacchetti non biodegradabili. Inoltre sia umido che indifferenziato, vista la perdurante mancanza di impianti di compostaggio nella nostra Regione. finiscono entrambi per la massima parte nella discarica di San Tammaro, destinata in breve a riempirsi. Si profila all'orizzonte l'incubo dell'utilizzo della cava Mastroianni, a ridosso del nostro territorio" - avverte - "e della già sequestrata (per disastro ambientale) discarica Mastropietro in località Lo Uttaro. La Mastroianni, lo ricordiamo, non è mai stata eliminata dalla legge che individua le aree da adibire a discarica in Campania. I residui contenitori disposti nelle strade del territorio comunale sono stracolmi ed emanano un odore nauseabondo, che arriva fino agli ultimi piani delle abitazioni, anche se di cinque o sei piani. Di norme igieniche e di pulizia dei contenitori stessi neanche a parlarne. Il controllo da parte della polizia municipale è inesistente" - sottolinea Roano - "e spesso si trovano cumuli di immondizia sparsi qua e là in tutte le vie. Come pensano di porre rimedio a questo disastro al Commissariato? Sciogliendo la sola amministrazione di Maddaloni e lasciando per premio in piedi quella di San Nicola. Misteri della politica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento