Moretto (An) su vicenda decurtazione stipendio

Napoli - “Premesso che,-afferma il Consigliere Comunale di Napoli,nonché Vice Presidente dello stesso Consiglio Comunale , Vincenzo Moretto di A.N.-la Sig.ra Tortora Adelina,dipendente del Comune di Napoli, ha commesso un’illegalità percependo...

“Premesso che,-afferma il Consigliere Comunale di Napoli,nonché Vice Presidente dello stesso Consiglio Comunale , Vincenzo Moretto di A.N.-la Sig.ra Tortora Adelina,dipendente del Comune di Napoli, ha commesso un’illegalità percependo assegni familiari non dovuti per i nipotini a carico, visto che le proprie figlie , genitrici dei bambini, hanno chiesto ed ottenuto il reddito di cittadinanza, in quanto disoccupate parimenti ai loro coniugi”.“E’ pur vero però - continua Moretto-, che anche L’Amministrazione Comunale, nella vicenda, ha commesso degli errori, decurtandole lo stipendio, all’inizio del 50% per poi darle una busta paga senza alcuna remunerazione visto che, essendosi accorta che alla dipendente si stavano erogando degli assegni familiari non dovuti, non le ha comunicato(anche in considerazione della scarsa conoscenza, presumibilmente , delle leggi da parte dell’interessata)dell’errore ed impedendole, in tale modo, di poter esercitare il diritto di opzione che certamente sarebbe stato in favore degli assegni, visto che,rispetto al reddito di cittadinanza, sono di gran lunga superiori.””Inoltre- aggiunge il Consigliere- l’interessata per poter far fronte alla restituzione della esorbitante cifra da restituire, ha fatto ricorso a prestiti elargiti a tassi illegali, aggiungendo il danno alla beffa e, ciò, lascia alquanto sconcertati in quanto evidenzia che,l’Amministrazione pur di vedersi restituire una cifra,seppur incassata illegalmente, costringe una propria dipendente a rivolgersi a delle strutture illegali di cui la stessa Amministrazione va paventando il debellamento. “Sarebbe opportuno- conclude il Rappresentante della Destra- che l’Amministrazione prendesse in considerazione la possibilità di intervenire in favore della propria dipendente, se non per l’azzeramento del debito, quantomeno per la razionalizzazione della restituzione, applicando la trattenuta del quinto dello stipendio così come sanciscono le Leggi in materia”- Il Consigliere ha chiesto con una lettera, all’uopo, un autorevole intervento sia del Sindaco che dell’Assessore alle Politiche Sociali-

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento