Politica

Alfano al Viminale con Cantone: Linea dura del Governo contro i corrotti

(Roma) «Da oggi i corrotti saranno trattati come i mafiosi». E' la 'linea dura' del Governo evidenziata oggi al Viminale dal ministro dell'Interno Angelino Alfano dopo la firma, con il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione (Anac)...

065218_cantone_alfano

(Roma) «Da oggi i corrotti saranno trattati come i mafiosi». E' la 'linea dura' del Governo evidenziata oggi al Viminale dal ministro dell'Interno Angelino Alfano dopo la firma, con il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione (Anac) Raffaele Cantone, del protocollo di intesa per avviare la collaborazione con le prefetture in materia di trasparenza e legalità nella gestione degli appalti pubblici. Presente il capo di Gabinetto Luciana Lamorgese, che ha illustrato i punti principali dell'accordo.
Gli obiettivi della politica anticorruzione messa in atto dal Governo, ha spiegato Alfano, sono principalmente due, «fermare in tempo i ladri e, allo stesso tempo, non bloccare le opere. Il rischio è di far pagare alla collettività il costo delle azioni del corrotto».

Lo Stato si muove per prevenire e combattere il malaffare intervenendo sui singoli contratti a rischio corruzione, ha proseguito Alfano e, in quest'ottica, «i protagonisti del contrasto devono essere le prefetture, gli enti locali, l'Anac e il ministero dell'Interno da una parte, dall'altra dobbiamo portare avanti il lavoro con l'Associazione nazionale dei comuni italiani e con l'Unione delle provincie italiane per allineare gli sforzi verso un unico obiettivo». Con il protocollo di oggi, ha concluso il titolare del Viminale, «diamo ai prefetti le linee guida per consentire alla 'squadra Stato' di intervenire al momento giusto con un obiettivo preciso: far rispettare la norma morale da cui discendono tutte le altre, che è quella di non rubare».
Nella difficile lotta alla corruzione in Italia, ha detto Raffaele Cantone, si è ormai avviata una, «rivoluzione copernicana con l'ampliamento della normativa antimafia e saranno i prefetti e le prefetture il terminale territoriale delle politiche che si fanno a livello nazionale sul tema». Le linee guida, ha poi approfondito il presidente dell'Anac, prevedono una grande innovazione, «quella di applicare la risoluzione dei contratti anche in presenza di fatti corruttivi e concussivi e non più solo di accertate azioni estorsive. Le stazioni appaltanti, ha specificato Cantone, di fronte all'emersione di fatti corruttivi dovranno procedere alla risoluzione dei contratti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alfano al Viminale con Cantone: Linea dura del Governo contro i corrotti

CasertaNews è in caricamento