Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Prostitute e lavavetri su Viale Carlo III, linea dura del Prefetto Pagano

Caserta - La tutela del decoro urbano e della sicurezza stradale è stato il tema al centro della Conferenza dei Sindaci dei Comuni di Caserta, San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Recale, Capodrise e Marcianise, convocata dal Prefetto...

082135_viale_carlo_terzo

La tutela del decoro urbano e della sicurezza stradale è stato il tema al centro della Conferenza dei Sindaci dei Comuni di Caserta, San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Recale, Capodrise e Marcianise, convocata dal Prefetto Carmela Pagano ai sensi dell'art.54, comma 5, del Testo Unico sugli Enti Locali, cui hanno partecipato anche i responsabili della Forze dell'ordine e rappresentanti della Provincia, che si è tenuta il 19 novembre 2012 presso la Prefettura di Caserta.
Nel corso dell'incontro del 14 novembre scorso, incentrato sull'adesione dei comuni della conurbazione casertana al progetto di "Sicurezza integrata", il Sindaco di S. Nicola la Strada aveva, infatti, posto all'attenzione dei partecipanti la presenza di consistente meretricio su strada sull'area prospiciente il Viale Carlo III, e della crescente aggressività dei lavavetri, già affrontate dal sindaco di S. Nicola la Strada, quale Ufficiale di Governo, con specifica ordinanza volta alla tutela della sicurezza urbana e della circolazione stradale.
Considerato che la materia interessa diversi comuni che, senza soluzione di continuità, si affacciano su Viale Carlo III, il Prefetto ha ravvisato la necessità di esaminarla congiuntamente ai Sindaci di tutti i Comuni interessati, come previsto dalla normativa proprio per evitare che la soluzione adottata da solo sindaco possa sortire solo l'effetto di spostare il fenomeno da contrastare sui comuni confinanti.

Nel corso dell'incontro tutti gli intervenuti, nel confermare la rilevanza delle situazioni prospettate e le crescenti proteste dei cittadini, hanno convenuto sul fatto che risultati durevoli si potranno ottenere solo attraverso interventi coordinati e strutturali sull'importante asse viario. Detti interventi più duraturi saranno valutati dalla Provincia, trattandosi di strada provinciale, d'intesa con i Comuni.
Nelle more, tutti i Sindaci interessati hanno convenuto di procedere, nel rispetto della nota Sentenza della Corte Costituzionale n.115 del 4 aprile 2011, ad adottare ordinanze contigibili ed urgenti, in modo da rendere uniforme la perseguibilità di comportamenti a rischio per la sicurezza urbana e per la sicurezza stradale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostitute e lavavetri su Viale Carlo III, linea dura del Prefetto Pagano

CasertaNews è in caricamento