rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca Trentola-Ducenta

Rapina da 250mila euro con spari in gioielleria: condannato a 10 anni

La sentenza del gup Arpino per l'assalto armato avvenuto a Trentola Ducenta

Dieci anni di reclusione per Raffaele Erardi, 28enne di Giugliano in Campania, coinvolto nell'assalto alla gioielleria Conte di Trentola Ducenta dello scorso dicembre. Lo ha deciso il gup Caterina Anna Arpino del tribunale di Napoli Nord all'esito del giudizio con abbreviato. 

La Procura aveva invocato una condanna a 12 anni di carcere ma il giudice ha inflitto una condanna leggermente inferiore. Nel corso del processo Erardi è stato assistito dall'avvocato Felice Galluccio mentre il titolare della gioielleria rapinata si è costituito parte civile con l'avvocato Roberto Barbato. 

Era il 4 dicembre dell'anno scorso quando un commando armato, composto da 6 persone di cui 5 allo stato rimaste ignote, fece irruzione all'interno della gioielleria. Armi in pugno - pistole ma anche un fucile a canne mozze - i banditi minacciarono le due dipendenti dell'attività commerciale e per vincere la resistenza del titolare gli legarono i polsi con delle fascette e lo imbavagliarono con del nastro adesivo. Il commerciante, secondo la ricostruzione della Procura, fu inoltre picchiato in maniera brutale e per essere più convincenti i rapinatori esplosero colpi d'arma da fuoco contro le vetrine interne del negozio. Il bottino fu ingente. Vennero portati via preziosi per 250mila euro complessivi. 

Il 28enne di Mugnano è stato poi individuato dai carabinieri della stazione di Trentola Ducenta, guidati dal maresciallo Membrino, come componente della banda. Sarebbe stato lui alla guida di una vettura che faceva da apripista a quella in cui viaggiavano gli altri 5 banditi. Ad incastrarlo le telecamere che lo avrebbero immortalato a Trentola Ducenta e poi a Giugliano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina da 250mila euro con spari in gioielleria: condannato a 10 anni

CasertaNews è in caricamento