rotate-mobile
Cronaca San Prisco

Incendio di sterpaglie e rifiuti domato dalla Protezione civile | VIDEO

I volontari impegnati in pattugliamenti serali e attività di spegnimenti nonostante abbiano mezzi di fortuna: servizio encomiabile. Il Comune al lavoro per fornire loro un modulo antincendio

Rogo di sterpaglie e rifiuti. Nella serata di ieri, 24 luglio, la Protezione civile di San Prisco, con i volontari coordinati da Luigi Sticco, sono intervenuti in località Cava Statuto per spegnere l'ennesimo incendio verificatosi sul territorio comunale.

L'incendio è stato domato nonostante i volontari abbiano strumenti di fortuna, assolutamente inadeguati, ma nonostante ciò non demordono. L'impegno dei volontari è encomiabile e riconosciuto anche dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico D'Angelo che si è attivata per dotare il Nucleo di un modulo antincendio con una pompa idraulica e un serbatoio di acqua al fine di poter intervenire in maniera ancora più incisiva.

Da tempo, su disposizione dell'assessore Luigi Abbate, i volontari della Protezione civile di San Prisco stanno effettuando, ogni sera, pattugliamenti nella zona pedemontana al fine di prevenire e segnalare principi di incendi, spesso connessi all'abbandono di rifiuti. Un'attività di grande sacrificio ma che, come accaduto ieri sera, permette di intervenire tempestivamente in caso di incendio ed evitare che il rogo si allarghi al punto da mettere a rischio l'incolumità di animali e persone oltre che danneggiare in maniera significativa i terreni ai piedi del monte Tifata.

Un impegno, quello dei volontari della Protezione civile, ancor più importante se si considera che spesso i vigili del fuoco sono impegnati a spegnere incendi di grosse dimensioni e quindi potrebbero volerci parecchi minuti prima di poter intervenire a San Prisco. L'attività dei volontari permette invece di domare i roghi in tempi rapidi e quindi evitare che le fiamme di propaghino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio di sterpaglie e rifiuti domato dalla Protezione civile | VIDEO

CasertaNews è in caricamento