Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Casapesenna

Ragazzina maltrattata durante gli esorcismi: chiesti 14 anni e mezzo per l'ex prete Barone

La Procura Generale ha chiesto una pena più pesante rispetto a quella inflitta in primo grado. Invocata la conferma del verdetto per i genitori della 14enne

Quattordici anni e mezzo di reclusione per don Michele Barone. Questa la richiesta della Procura Generale nel corso della requisitoria in Corte d'Appello nel processo all'ex sacerdote del Tempio di Casapesenna accusato di maltrattamenti nei confronti di una ragazzina di Maddaloni, avvenuti durante esorcismi dal sapore medievale, e violenza sessuale nei confronti di altre due ragazze. 

Nel corso della requisitoria il pg ha ripercorso la vicenda arrivando a chiedere due anni e mezzo in più rispetto alla condanna pronunciata in primo grado dai giudici del collegio di Santa Maria Capua Vetere. Invocata la conferma della pena anche per i genitori della ragazza vittima dei maltrattamenti, condannati in primo grado a 4 anni e 5 mesi e 4 anni a testa. Nel corso dell'udienza hanno concluso anche i difensori delle parti civili, tra cui l'avvocato Luigi Ferrandino. Si torna in aula la prossima settimana per l'avvio delle arringhe dei difensori che si concluderanno a inizio ottobre. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Giuseppe Stellato, Carlo Taormina, Umberto Pappadia, Carlo De Stavola, Elisabetta Carfora e Maurizio Zuccaro.

Era il giorno di San Valentino del 2018 quando gli agenti della squadra mobile, al termine di un'indagine lampo, arrestarono Barone, di rientro da un pellegrinaggio a Cracovia, all'aeroporto di Capodichino. L'inchiesta svelò uno scenario inquietante su ciò che accadeva all'interno del Tempio di Casapesenna. Riti esorcistici dal sapore medievale, botte e sputi nel nome di San Michele Arcangelo e della lotta al demonio che si manifestava attraverso il posseduto di turno. Tra le vittime una ragazzina di appena 14 anni, di Maddaloni, costretta a subire violenze fisiche che le hanno provocato una lesione permanente ad un orecchio. Non solo le botte durante i riti di guarigione ma anche una dieta a base di latte e biscotti, prescritta dall'arcangelo, e gli sputi nell'acqua che le veniva data da bere. 

Al prete sono contestate anche due presunte violenze sessuali nei confronti di due fedeli (reato da cui era stato assolto in primo grado) con palpatine nelle zone erotiche ed anche presunti rapporti orali in sagrestia o durante i pellegrinaggi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzina maltrattata durante gli esorcismi: chiesti 14 anni e mezzo per l'ex prete Barone
CasertaNews è in caricamento