Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Grazzanise

Abusi al cimitero, la Corte d'Appello ribalta la sentenza per dirigente

Malena assolto nel secondo grado di giudizio

Il responsabile dell'area tecnica del Comune di Grazzanise Maurizio Malena è stato assolto dalla Corte di Appello di Napoli, Prima sezione penale presieduta dal giudice Giovanni Carbone.

Ribaltato il verdetto pronunciato dai giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che avevano condannato il dirigente a 3 anni di reclusione, oltre all'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni ed il pagamento di un risarcimento da 5mila euro in favore della parte civile. Nel secondo grado di giudizio Malena, difeso dagli avvocati Mirella Anania del Foro di Perugia ed Emilio Maddaluna del foro di Santa Maria Capua Vetere, è stato assolto per non aver commesso il fatto per l'abuso d'ufficio e perché il fatto non sussiste in ordine al falso.

Il Procuratore Generale, nelle proprie conclusioni, a modifica del capo di imputazione relativo al falso ha chiesto il non luogo a procedere perché i reati si sono estinti per intervenuta prescrizione. Di diverso orientamento era il collegio difensivo di Malena che ha chiesto una pronuncia assolutoria per il proprio assistito, credendo senza alcun dubbio, nella sua innocenza, che collima a pieno con il verdetto dei Giudici della Corte di Appello di Napoli.

Si conclude così, dunque, l’incubo vissuto per più di due anni da Malena che si era visto togliere la sua posizione da responsabile dell’area tecnica del Comune di Grazzanise, subendo non pochi danni e non solo economici, ma soprattutto morali e professionali. La vicenda riguardava alcuni presunti abusi realizzati all'interno del cimitero di Grazzanise.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi al cimitero, la Corte d'Appello ribalta la sentenza per dirigente
CasertaNews è in caricamento