rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità Casal di Principe

Il Comune dedica quattro strade alle vittime innocenti di camorra

Le strade saranno intitolate a Salvatore Nuvoletta, Antonio Petito, Gennaro Galano e Jerry Masslo

Il Comune di Casal di Principe intitola quattro strade ad altrettante vittime di camorra. Dopo l'ok in giunta della settimana scorsa adesso si attende solamente l'approvazione della Prefettura: a Casal di Principe ci saranno via Salvatore Nuvoletta, via Antonio Petito, via Gennaro Galano e via Jerry Masslo.

La strada intitolata a Salvatore Nuvoletta sarà quella oggi conosciuta come 'Prima traversa a destra di via Vecchia di Vico': Nuvoletta è stato un carabiniere in servizio presso la caserma di Casal di Principe ucciso il 2 luglio 1982 mentre giocava con un bambino nei pressi dell'esercizio commerciale di un suo parente per ritorsione all'attività di contrasto svolta dall'Arma dei Carabinieri. Salvatore Nuvoletta resosi conto di quanto stesse accadendo riuscì a proteggere il bambino, opponendosi inerme al commando omicida.

La strada invece dedicata ad Antonio Petito sarà la prima traversa a destra della circumvallazione direzione via Kruscev, dopo viale Europa. Antonio Petito era un giovane falegname appena 20enne che venne raggiunto da numerosi colpi di pistola. Fu assassinato per un banale litigio per motivi di viabilità con il figlio, all'epoca 13enne, del capoclan Francesco Bidognetti. E' accaduto ben 17 anni fa, precisamente l'8 febbraio 2002.

La seconda traversa a destra della circumvallazione, quella che quindi seguirà via Antonio Petito, sarà intitolata a Gennaro Galano: ex segretario della Dc di Napoli assassinato dalla camorra a Fuorigrotta nel bar di sua proprietà nel 1986.

La terza traversa invece sarà dedicata a Jerry Masslo, rifugiato sudafricano assassinato a Villa Literno il 25 agosto 1989 da una banda di criminali, la cui vicenda personale emozionò profondamente l'opinione pubblica portando ad una riforma della normativa per il riconoscimento dello status di rifugiato.

Ma ci sono anche altre strade che avranno un 'nome': la prima traversa di corso Dante lato destro sarà intitolata a Francesco il Napoletano, partigiano di Albanova che perse la vita durante la Seconda guerra mondiale. La strada conosciuta come prima traversa di corso Dante lato sinistro sarà invece dedicata al poeta Pietro Aretino; la strada conosciuta come seconda traversa a destra di via Vecchia di Vico sarà intitolata a San Gennaro; quella successiva a San Paolo; quella ancora dopo a Sant'Alfonso dei Liquori; poi San Pietro Simone, detto Pietro; quindi Sant'Agostino; poi San Benedetto e quindi Santa Caterina. L'ultima traversa, la nona, sarà invece dedicata al Cilento. Di fronte a via Antonio Petito, sul lato sinistro, nascerà invece via Niccolò Macchiavelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune dedica quattro strade alle vittime innocenti di camorra

CasertaNews è in caricamento