rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Attualità Maddaloni

Ventisei società ‘stanate’ dal Comune: hanno evaso 1,5 milioni di Imu in 4 anni

Il sindaco De Filippo: "Stiamo lavorando affinché si realizzi così un'equità fiscale che consenta all'Ente di poter erogare servizi efficaci ed efficienti"

Comune a caccia di evasori delle tasse per aumentare le entrate e realizzare un'equità fiscale. E' quanto accade a Maddaloni dove, nei giorni scorsi, a seguito di una serie di accertamenti eseguiti dagli uffici comunali, sono state 'stanate' ben 26 società che, dal 2016 al 2019, hanno evaso l'Imu per circa 1,5 milioni di euro. A renderlo noto è il sindaco Andrea De Filippo che afferma: "Stiamo facendo un'operazione di riduzione delle fasce di evasione e di elusione delle tasse che deve portare tutti a pagare il dovuto, affinchè tutti paghino meno. Stiamo lavorando affinché questi furbetti vengano stanati e si realizzi così una equità fiscale che consenta all'Ente di poter erogare servizi efficaci ed efficienti".

Il primo cittadino di Maddaloni non le ha mandate a dire agli evasori delle tasse. "Ho l'impressione che alcuni non si rendono conto del fatto che il Comune è un Ente economico a tutti gli effetti: può spendere in virtù di quello che riesce a fare entrare nelle casse, considerato che non ci sono delle risorse economiche infinite - ha sottolineato De Filippo - L'attenzione che poniamo oggi al tema delle entrate è determinata dal fatto che per troppi anni molti maddalonesi si sono sottratti al patto sociale in virtù del quale per poter avere una città moderna ed efficiente c'è bisogno di una partecipazione da parte dei cittadini in una logica progressiva per cui chi ha di più paga di più. Se ciò non accade non c'è amministrazione che tenga".

Grazie al blocco dei conti correnti e ai pignoramenti presso terzi "abbiamo recuperato in un anno 1,2 milioni di euro di tasse non versate in passato - fa sapere il sindaco De Filippo - Ciò ha avuto un effetto anche sulla Tari dell'anno scorso che è passata dal 52% del 2019 al 65% del 2020. Questa è una strada obbligata per ridurre le tasse. E' inutile lamentarsi del fatto che le cose non funzionano se non ci sono risorse".

I segni della politica di oculatezza portata avanti dall'amministrazione De Filippo cominciano a vedersi. Nell’ultimo consiglio comunale, infatti, è stata approvata la riduzione dell’addizionale Irpef, una tassa che pagano tutti coloro che hanno una busta paga. Un provvedimento, questo, che fa il paio con l’abbassamento dell’Imu di qualche tempo fa. "Con queste due operazioni abbiamo rimesso nelle tasche dei maddalonesi circa mezzo milione di euro - ha dichiarato il primo cittadino - Mi rendo conto che non è ancora tutto, ma è un passo significativo, perchè dopo una decina di anni i maddalonesi pagano meno tasse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ventisei società ‘stanate’ dal Comune: hanno evaso 1,5 milioni di Imu in 4 anni

CasertaNews è in caricamento