Attualità

La polizia municipale 'sgombera' il cugino del boss Belforte

Gli agenti in azione dopo l'ordinanza del Comune

L'intervento di questa mattina in via Peschiera

Polizia municipale in azione questa mattina in via Peschiera a Marcianise per dare esecuzione ad una ordinanza di sgombero e contestuale affidamento al Comune di un’area che era accusata abusivamente dal cugino del boss Salvatore Belforte. Le operazioni dirette dal comandante Alberto Negro sono state condotte in massima tranquillità dalla polizia municipale che era stata delegata all’esecuzione dell’ordinanza.

L'azione è stata commentata anche dal sindaco Antonello Velardi: "Una giornata importante, per tutta una serie di motivi. Stamattina abbiamo preso possesso, alla periferia di Marcianise, di un terreno di proprietà comunale utilizzato da più di vent'anni in violazione della legge. Il terreno è ad uso agricolo ma è stato riconvertito nel tempo per attività imprenditoriale (rimessaggio di automezzi da trasporto) con anche la costruzione di un manufatto usato come deposito ed ufficio. Un chiaro caso di abusivismo, su cui è stato chiuso un occhio, anzi più di uno. Lo dico in modo chiaro: il terreno è stato in uso ad esponenti di una famiglia che è balzata spesso agli onori della cronaca. Sia come sia, nessuno si è mai permesso di andare a verificare chi e perché usava quel terreno di proprietà comunale. Noi ce ne siamo interessati, così come abbiamo fatto per molti altri terreni e immobili di Marcianise. Imponendo agli uffici tecnici comunali e alla Polizia municipale un attivismo serio e reale: le cose si fanno, non è che si fa solo finta di farle. Oltretutto i gestori del terreno hanno scritto una lunga nota in cui hanno citato punto per punto tutto ciò che gli uffici comunali per oltre vent'anni non hanno fatto per non disturbarli: violazioni gravissime, abbiamo mandato la nota (ovviamente) in Procura".

E chiude: "Dopo un certo e tira e molla, stamattina la municipale è entrata in azione, con il supporto di un significativo schieramento di forze dell'ordine, deciso in sede di comitato provinciale dell'ordine pubblico. Non è stato necessario alcun supporto: l'occupante ha sgomberato tutto, ha ripulito l'intera area, gli resta solo da smantellare una parte residua di una tettoia e lo farà presto. Ha eseguito l'ordinanza senza alcuna protesta, pur avendo manifestato nel passato la sua arrabbiatura. Della serie: quando uno non se lo aspetta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia municipale 'sgombera' il cugino del boss Belforte

CasertaNews è in caricamento