Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Lavoratori in agitazione, il prefetto convoca sindacato il giorno prima dello sciopero

Intanto l'Ente d'Ambito scrive al Comune di Caserta: "Le nuove assunzioni nella ditta rifiuti vanno scelte tra i dipendenti del Cub"

Il prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto

Le tensioni scoppiate nel cantiere di igiene urbana di Caserta si avviano a diventare sempre meno accese. Il prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, ha infatti convocato il sindacato Filas (che lo scorso 19 maggio aveva proclamato lo stato di agitazione e avviato la procedura di raffreddamento), il sindaco Carlo Marino e l'Ecocar per il tentativo obbligatorio di conciliazione. Il tavolo in Prefettura è in programma per lunedì 7 giugno alle ore 10,30, di fatto il giorno che precede lo sciopero davanti a Palazzo Castropignano (sede del Municipio) indetto dalla Filas. Nel corso dell'incontro si cercherà di trovare una soluzione alle problematiche dell'appalto di igiene urbana denunciate da diversi lavoratori dell'Ecocar iscritti alla Filas. Su tutte la mancata applicazione delle norme igieniche e della sicurezza prevista dalla legge. La Filas ha infatti evidenziato la presenza di "spogliatoi e autoparchi non conformi e non igienici", così come di "automezzi fatiscenti, non lavati e igienizzati". E poi ancora il "mancato rispetto delle normative anti-Covid" e la "mancata erogazione del Tfr maturato da oltre dieci anni dagli ex dipendenti Sace, attuali lavoratori dell'Ecocar, e non ancora percepiti per canoni non versati e ancora in possesso del Comune".

Intanto l'Ente d'Ambito per la gestione integrata dei rifiuti urbani, presieduto dal sindaco di Santa Maria Capua Vetere Antonio Mirra, ha scritto al Comune di Caserta, ricordando che le nuove assunzioni nella ditta rifiuti vanno scelte tra i dipendenti del Cub (Consorzio Unico di Bacino). "La Fials ha segnalato un presunto mancato rispetto, nel cantiere di Caserta, della normativa introdotta dalla legge regionale della Campania n. 14/2016, che stabilisce che è fatto obbligo al soggetto affidatario di utilizzare le unità di personale dei Consorzi di Bacino della Regione Campania e che, fino al completo reimpiego delle unità di personale dei Consorzi di Bacino, è vietato procedere a nuove assunzioni per lo svolgimento del servizio dei rifiuti. Questo Ente d'Ambito, ha già invitato tutti i Comuni a porre la massima attenzione ed a vigilare sull'operato degli attuali gestori, in particolare sulla corretta applicazione della suddetta normativa e, se necessario, a diffidare gli stessi dal porre in essere procedure in spregio alla normativa regionale", si legge in una nota a firma del direttore generale Agostino Sorà che ha invitato l'amministrazione comunale di Caserta a "verificare e controllare presso l'Ecocar quanto segnalato dalla Fials, avendo cura di porre in essere nei confronti della stessa ogni attività necessaria a garantire il pieno rispetto della normativa regionale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori in agitazione, il prefetto convoca sindacato il giorno prima dello sciopero

CasertaNews è in caricamento