Attualità

Riaprono le Superiori, ma tanti studenti restano a casa

Traffico regolare e nessun assembramento nel primo giorno di riapertura delle scuole secondarie di secondo grado

Un rientro regolare, senza particolare criticità, per gli studenti delle superiori nel casertano. Unico “neo” di questa prima giornata di ripresa in presenza dopo tanta casa e didattica a distanza, è la circostanza che tantissimi genitori - secondo quanto riferisce l'Ansa - hanno deciso di non mandare i propri figli a scuola. 

Al 'Manzoni' diverse assenze, Vairo: "C'è incertezza sulla Dad"

Adele Vairo, assessore alla pubblica istruzione del Comune di Caserta, nonché dirigente del Liceo 'Alessandro Manzoni' (indirizzi Classico, Linguistico e Scientifico), tra i più grandi del Capoluogo con oltre 2000 studenti, conferma che “ci sono state assenze tra i ragazzi che sarebbero dovuti entrare, forse per l’incertezza se poter usufruire o meno della Dad. Ma le indicazioni che ci hanno dato, in particolare dall’Ufficio Scolastico Regionale, sono chiare: possono continuare con la Dad solo gli studenti fragili o che abbiano familiari fragili, purchè ciò sia ovviamente attestato da documentazione sanitaria”. Manca un dato preciso sulle assenze, ma la media potrebbe attestarsi poco sotto al 20%, fenomeno che si registra soprattutto nelle scuole che raccolgono studenti anche da altri comuni.

Al liceo Giannone entra solo la metà degli iscritti

Al Liceo Classico 'Pietro Giannone' di Caserta, dove il 95% dell’utenza proviene dal Capoluogo, sono entrati 350 alunni sui 700 iscritti; una decina i genitori che ha chiesto di usufruire della Dad. Al Giannone, spiega la dirigente Marina Campanile, è stato creato anche “il Comitato Scientifico, sulla falsariga di quanto avviene a livello di governo centrale; otto i componenti, c’è l’Asl, medici specialisti e rappresentanti di genitori e studenti”.

All'istituto Mattei in 150 non si presentano

All’istituto Mattei di Caserta (liceo artistico e professionale), spiega il dirigente Roberto Papa, “su oltre 1000 studenti iscritti, ne dovevano entrare oggi 500, ma si sono presentati in circa 350. Ieri in effetti sono arrivati a scuola tantissimi moduli compilati dai genitori per accedere alla Dad; le istanze verranno valutate, ma molti non sapevano che della didattica a distanza possono usufruire solo gli alunni con fragilità. Negli ultimi giorni abbiamo registrato indicazioni piuttosto contraddittorie, che possono aver creato confusione”. In effetti nei giorni scorsi vi fu prima la raccomandazione del governatore della Campania Vincenzo De Luca, che invitava i dirigenti scolastici a consentire “ai genitori degli alunni di optare per la fruizione della didattica a distanza”, lasciando intendere che quest’ultima fosse la modalità di lezione privilegiata. Ieri sera, invece, l’Ufficio Scolastico Regionale diretto da Luisa Franzese, con una nota inviata ai dirigenti di tutti gli istituti superiori campani, ha chiarito che “l’adozione di quote eccessive o esclusive di sola Dad espone ad eventuali ricorsi su tempo scuola inferiore a quello prescritto dalla norme (ovvero presenza in frequenza per il 50% e fino al 75%) per cui, salvo nuove e diverse prescrizioni governative, non è consentito ridurre tali percentuali”. Possono dunque usufruire della Dad gli alunni che non rientrano in quel 50% per i quali prevista la presenza in aula, e quelli con fragilità accertate.

Traffico regolare e nessun assembramento nel primo giorno di riapertura

Nella città c’è stato un traffico maggiore, ma non sono stati segnalati assembramenti, anche per i controlli di vigili urbani e forze dell’ordine. Nessuna criticità per ora, fanno sapere della Prefettura di Caserta, si è registrata per quanto concerne il trasporto pubblico, visto che nei giorni scorsi le corse dei bus sono state potenziate, mentre dalla Provincia di Caserta, si spiega che in tutte le superiori del casertano i lavori di adeguamento alla normativa anti-Covid sono stati completati, e qualche problema si segnala per quanto concerne la tenuta della connessione internet per la Dad.

Le chiusure ad Aversa, Francolise, Casal di Principe e Teano

Ad Aversa il sindaco Alfonso Golia ha annunciato che ci sarà uno screening sanitario che riguarderà la popolazione scolastica. Intanto alcune scuole della provincia hanno chiuso per positività emerse. E’ successo proprio ad Aversa (chiusa per sanificazione, vista un caso tra i docenti, la scuola media Giovanni Pascoli, che riaprirà tra venerdì e lunedì), a Francolise, dove il sindaco Gaetano Tessitore ha chiuso la primaria; a Casal di Principe è stata chiusa un’aula, mentre a Teano, alle prese con alcuni focolai, peraltro non estesi, tutte le scuole riapriranno il 7 febbraio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaprono le Superiori, ma tanti studenti restano a casa

CasertaNews è in caricamento