menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Saviano

Roberto Saviano

Verona revoca cittadinanza onoraria a Saviano: "Troppi attacchi contro Salvini"

La decisione del consiglio comunale con i voti di Lega e Fratelli d'Italia. La replica dello scrittore: "Vogliono zittire chi non la pensa come loro"

Revocata la cittadinanza onoraria conferita nel 2008 allo scrittore casertano Roberto Saviano dal Comune di Verona. Il Consiglio Comunale scaligero, con 20 voti favorevoli, 7 astenuti e 1 contrario, ha approvato la proposta di revoca presentata all’aula dal consigliere Alberto Zelger della Lega Nord. 

La revoca per gli attacchi a Salvini

Tra i motivi della decisione le esternazioni contro l'ex Ministro dell'Interno leghista Matteo Salvini - “si è più volte scagliato contro l’ex ministro Matteo Salvini, con frasi calunniose ben poco rispettose per le istituzioni ed ha più volte manifestato il suo disprezzo per Salvini” - ma anche, si legge nella delibera approvata dall'assise civica veronese, il fatto che "non risulta che Roberto Saviano abbia mai sentito la necessità di ringraziare il Comune di Verona per tale riconoscimento o abbia espresso la volontà di venire a ritirarlo". Comunque sia, l'atto sembra essere tutto di stampo politico - ideologico (si fa riferimento anche alla questione della Sea Watch 3 ed alle parole spese da Saviano in favore della comandante Carola Rackete). 

La replica dello scrittore

Non si è fatta attendere la replica dello scrittore che in una lettera inviata ai suoi ex concittadini ha sottolineato come il provvedimento approvato dal consiglio comunale "vuole zittire ogni spinta contraria al pensiero unico dei consiglieri di maggioranza e del loro partito. Un’ideologia che vuole ottundere il pensiero critico e mettere al bando ogni ragionamento e proposta su temi controversi. "Non è nostro concittadino chi non la pensa come noi", ecco cosa vuole dire. Ma Verona è molto meglio dei guitti che la rappresentano ora in Consiglio comunale: esiste una città che so essere aperta e plurale, contrariamente a come certe amministrazioni si sforzino di rappresentarla. Ed è drammatico che questa delibera arrivi mentre le altre attività del Consiglio - forse prioritarie - sembrano essere bloccate da giorni, e mentre Verona è l’ottavo comune italiano per numero di contagi. Anche se ufficialmente non sono più un vostro concittadino, continueremo comunque a scambiarci opinioni anche quando non saremo d'accordo, a proporre soluzioni anche quando saranno scomode e a vigilare sull'operato dei nostri amministratori anche quando saremo controcorrente: perché è questo che fanno i cittadini", conclude Saviano.

Le reazioni

Sulla questione è intervenuto anche il senatore Sandro Ruotolo che ha sottolineato in un post su Facebook "Dunque, Verona revoca  la cittadinanza onoraria concessa a Roberto Saviano, la regione Lombardia rifiuta il presepe donato dalla Campania.  Buon natale a tutti, anche ai cittadini del nord: liberatevi dai razzisti". 


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Troppi contagi, il sindaco non si fida: "Le scuole restano chiuse"

Attualità

Riscaldamenti rotti, la scuola resta chiusa fino a mercoledì

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Omicidio Noviello, Cirillo stanato dopo la fuga

  • Cronaca

    Piazze di spaccio della camorra, 9 condanne

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento