rotate-mobile
Attualità Parete

'A scuola di open coesione' con le terze classi del liceo 'Fermi' di Parete

Lungo studio degli studenti sul progetto di restauro del palazzo ducale

Da quest’anno, le classi terze del liceo scientifico 'Fermi', sede distaccata di Parete, partecipano al percorso innovativo 'A Scuola di Open Coesione (Asoc)', percorso già iniziato, da svariati anni, nella sede centrale di Aversa. Con tale progetto i ragazzi sviluppano competenze digitali, statistiche e di educazione civica, nonché competenze di  comunicazione con l’ausilio di tecniche giornalistiche, che permettono di conoscere le politiche di coesione, intervenendo direttamente nei luoghi in cui gli allievi operano.

La classe 3 Asp, dal nome significativo “Storytellers of the wall, I raccontastorie di Parete”, guidata dalle docenti Filomena Vano e Mariachiara Esposito, monitora un finanziamento FESR 2007-2013 della Regione Campania, “ Lavori di recupero statico, funzionale e architettonico del Palazzo Ducale” di Parete, che si è occupato della riqualificazione dell’antico edificio storico.

I lavori del  progetto, finanziato per 3.531.861,88 euro, sono iniziati nel 2015 e conclusi nel 2018, rendendo in tal modo, dopo ben 40 anni, alla popolazione paretana un bene prezioso che era stato logorato dal tempo e dall’incuria.

Il palazzo, dopo il restauro è diventato un inglobatore culturale, sede di svariate associazioni che si occupano di dare lustro all’edificio attraverso iniziative che attirano l’attenzione dei giovani del luogo, del PAM (Parete Art Museum) e del Museo della Fragola, di una biblioteca e di un ristorante. Scopo del monitoraggio civico, effettuato dai ragazzi, è quello di indagare sui benefici e sugli eventuali punti deboli di tale riqualificazione, al fine di verificare se la “mission” dell’ ente attuatore, il Comune di Parete, sia stata realizzata, oltre a verificare la modalità di spesa dei finanziamenti e se vi sono state incongruenze tra quanto realizzato e quanto riportato sul portale di OpenCoesione.

Per un’indagine più profonda e corretta il team si è impegnato a raccogliere dati primari direttamente sul campo, intervistando il sindaco Gino Pellegrino, il responsabile Ufficio Tecnico del comune Luigi Scarpa, nonché i responsabili delle associazioni “La Tenda” e “GB Basile” e i gestori del ristorante ”Moles” che operano all’interno del Palazzo Ducale.

Per completare il lavoro di monitoraggio utili e preziosi sono stati i consigli e le notizie forniti dalla dottoressa Antonia Girfatti di Europe Direct Caserta che ha fatto avvicinare i ragazzi alle politiche di coesione europee e della referente ISTAT Antonella La Faci. Occorre, sensibilizzare tutti alla conoscenza delle proprie origini e far sapere quanto di positivo sia stato realizzato grazie ai finanziamenti FESR, in modo che la memoria possa illuminare il futuro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'A scuola di open coesione' con le terze classi del liceo 'Fermi' di Parete

CasertaNews è in caricamento