Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Una fiaccolata silenziosa per Gennaro, ucciso nel cuore della Movida

Il corteo organizzato per sabato alle ore 20: partirà da piazza Dante

Gennaro Leone è morto a 18 anni

Una fiaccolata silenziosa per ricordare Gennaro Leone, il pugile 18enne di San Marco Evangelista ucciso nella notte tra sabato e domenica in via Vico, accoltellato da un coetaneo.

Il corteo per stringersi attorno alla famiglia di Gennaro e manifestare la propria vicinanza partire da piazza Dante a Caserta alle ore 20 di sabato 4 settembre. L’invito a tutti i partecipanti è quello di indossare una maglietta bianca. Il corteo arriverà a via Vico, lì dove Gennaro è stato accoltellato.

“Speriamo soprattutto nella partecipazione dei giovani della nostra città” si legge nelle note degli organizzatori, tra cui c’è anche il Comitato Vivibilità di Caserta. “A loro rivolgiamo le nostre speranze ed impegno affinché il futuro possa non essere più segnato da eventi così dolorosi e tragici. Abbiamo denunciato, abbiamo tante volte posto all'attenzione a chi di dovere, di quanto la situazione in città, a causa della movida selvaggia, della mancanza di controlli e dell'abuso di alcol dei giovani e giovanissimi, stesse diventando un problema sociale serio da risolvere al più presto per evitare tragedie. Purtroppo non ce l'abbiamo fatta. Nessuno ci ha ascoltato e Gennaro, un giovane di 18 anni è morto accoltellato, nel centro storico della nostra città in un sabato sera qualunque”.

Per il comitato che da anni si batte contro la Movida selvaggia "ciò che si poteva fare non è stato fatto, ora ci resta solo la voglia di stringerci intorno alla famiglia di Gennaro che poteva essere il figlio di tutti noi, uscito per divertirsi con gli amici e che invece non ha fatto più ritorno a casa. Gennaro è stato vittima di uno Stato sordo alle richieste dei cittadini che chiedevano più sicurezza, una città più vivibile e un futuro per i propri giovani e vittima anche di una comunità che in questi anni troppo spesso si è voltata dall'altra parte. Non lasciamo che il silenzio inghiottisca questo fiore che aveva tutta la vita davanti, facciamo sì che questa tragica morte non sia vana ma che possa scuotere in maniera forte le coscienze della nostra comunità e che nella sua tragicità sia l’evidenza, per tutti noi, che è giunto il tempo di risvegliarsi e non accettare più in maniera passiva che nulla possa mai cambiare”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una fiaccolata silenziosa per Gennaro, ucciso nel cuore della Movida

CasertaNews è in caricamento