È morta Nadia Toffa: per anni ha combattuto accanto alla popolazione della Terra dei fuochi

La conduttrice de ‘Le Iene’ si è spenta dopo aver lottato la sua battaglia contro il cancro

Nadia Toffa ha realizzato numerosi servizi sulla questione rifiuti nella Terra dei fuochi

Era diventata una beniamina delle popolazioni del “triangolo della morte” tra Caserta e Napoli dopo essersi occupata per conto de ‘Le Iene’ dei traffici illeciti e degli sversamenti di rifiuti nella cosiddetta ‘Terra dei fuochi’. 

È una scomparsa che sconvolge anche la provincia di Caserta quella di Nadia Toffa, giornalista e presentatrice della trasmissione di Mediaset diventata negli ultimi anni un volto popolare della tv.

A portarla via ai suoi familiari, ai suoi amici e ai tanti fans la battaglia contro il cancro, scoperto alla fine del 2017 dopo un malore in un albergo di Trieste. Due mesi dopo il ritorno alla conduzione de ‘Le Iene’, dove aveva rivelato al pubblico di avere un cancro. Da qual momento Nadia, volata via pochi mesi dopo aver compiuto 40 anni, era diventata anche un simbolo per chi lotta contro la malattia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso degli anni si era occupata di diversi casi, dal contrasto alla ludopatia ai casi di ‘santoni’ della medicina truffaldini, ma i servizi che maggiormente l’hanno fatta conoscere al grande pubblico sono stati quelli sulle tematiche ambientali, in particolare sulla Terra dei fuochi e a sostegno delle popolazioni locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Bimbo morto, i genitori di Diego rompono il silenzio dopo 5 giorni

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Malore improvviso, ragazzo di Aversa muore in Spagna

  • Coronavirus, slitta il picco in Campania. "Contagi al massimo tra fine aprile ed inizio maggio"

Torna su
CasertaNews è in caricamento