Attualità Parete

"Fermiamo la puzza di morte, ogni sera respiriamo veleni"

Annunciata la mobilitazione generale prevista per il 26 settembre

Miasmi notturni infernali, un dramma che colpisce ormai migliaia di cittadini di Aversa e di tutto l’agro aversano. Una vera e propria tragedia per le comunità che adesso si stanno organizzando per ‘costruire’ una nuova catena di sinergie per cercare di debellare questo fastidioso problema. Già nelle scorse settimane, precisamente il 15 agosto scorso, a Parete partì una manifestazione che toccò le due parrocchie di Parete al grido di ‘Mo bast’. Ora il comitato cittadino ‘Parete: basta roghi, agire tutti per l’ambiente” in sinergia con il Comitato Kosmos di Giugliano ha organizzato una grande mobilitazione dei cittadini abitanti a sud della provincia di Caserta, a nord di Napoli e sulla fascia costiera, per scendere in strada e manifestare contro i roghi tossici, la “puzza di morte”, la cattiva gestione dei rifiuti e perché non vogliono più nuovi impianti di monnezza sui propri territori e né monnezza importata da fuori.

“Chi vuole può dare la propria adesione alla mobilitazione per organizzare tutti insieme un presidio di lotta”. La manifestazione con cortei da più città partirà domenica 26 settembre dalle 16, per confluire poi in via Santa Maria a Cubito presso il mercato ortofrutticolo a Giugliano per la manifestazione finale. “Tutti  insieme diciamo ‘Mo bast’. Comunicateci le vostre adesioni e i vostri riferimenti, per coordinarci e definire insieme i dettagli organizzativi e autorizzativi, nel pieno rispetto delle regole”. “Ogni cittadino porterà un cartello con la scritta ‘Mo bast’”, perché davvero siamo arrivati ad un punto limite - affermano gli organizzatori -. Parete e il territorio circostante sono sotto attacco con i veleni che ci costringono a respirare di notte e di giorno nonostante i nostri sforzi di tenere pulita la città, senza roghi sul territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fermiamo la puzza di morte, ogni sera respiriamo veleni"

CasertaNews è in caricamento