rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità Cesa

Taglio del nastro per il museo dell'Asprinio

Il sindaco Enzo Guida: “Cesa città delle grotte e del vino Asprinio, non è solo un marchio"

Taglio del nastro, sabato 17 febbraio a Cesa, dell’Asprinum Museum Art, in piazza De Gasperi, con la presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura Nicola Caputo, il presidente del Consorzio Vitica Cesare Avenia. A fare da testimonial d’eccezione il cantante Roberto Colella, frontman de “La Maschera”.

Il Museo dell’Asprinio è iniziativa del comune di Cesa ed è gestito in collaborazione con la Pro Loco. “Si tratta di un museo diffuso e multimediale – ha ricordato Angela Oliva, presidente della Pro Loco e direttrice del Museo – in quanto è il punto di raccordo di una serie di siti che si possono visitare, dai palazzi storici, alle grotte, passando per le alberate. Attraverso le nuove tecnologie è possibile vivere la storia e le tradizioni di questo territorio”.

“Il Museo è un punto di arrivo, è la sintesi di un lungo e complesso lavoro svolto fino ad oggi. Ma è anche il punto per ripartire, per nuove iniziative”, ha evidenziato il sindaco Enzo Guida. “Cesa città delle grotte e del vino Asprinio non è solo un marchio – ha continuato – ma l’insieme di azioni compiute, in collaborazione con la Pro Loco. Basti ricordare l’acquisto di una grotta comunale, il costituendo Parco Agricolo Urbano, per attuare le basi di veri e propri tour enogastronomici, con la centro il Museo e gli altri siti di interesse”.

Nel suo intervento l’assessore Caputo ha elogiato l’attività territoriale svolta, ricordando gli interventi legislativi della Regione Campania che vanno proprio nella direzione realizzata dal Comune e dalla Pro Loco di Cesa. Il presidente del Consorzio Vitica Avenia ha sottolineato come l’Asprinio, “soprattutto quello spumantizzato abbia un buon mercato”, sconti la difficoltà legata a una ridotta “estensione di quelle che sono le alberate presenti e coltivate”.

Infine, dopo l’intervento del parroco don Giuseppe Schiavone e la sua benedizione, con la presenza del cantante Roberto Colella, c’è stata l’inaugurazione del museo e la visita. Colella, poi, si è esibito nella vicina chiesa di Maria Santissima del Rosario, che pure rappresenta uno dei siti che dovrebbero rientrare nei percorsi di collegamento tra museo e altri luoghi da visitare. Non poteva mancare il brindisi finale a base di Asprinio, con la collaborazione dei produttori locali e dell’Ais Caserta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio del nastro per il museo dell'Asprinio

CasertaNews è in caricamento