rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Avvocati in rivolta dopo l'ultimo decreto del presidente del tribunale: "Giornate lunghe e rinvii ad un anno"

Il presidente dell'Ordine: "Situazione caotica con udienze che si prolungano oltre le ore 16"

“Il decreto del Presidente del Tribunale del 12 luglio 2022, che detta nuove misure organizzative degli uffici del Giudice di pace, rappresenta un enorme ostacolo alle esigenze della Classe Forense”. Lo dichiara in una nota Ugo Verrillo, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere.

Il decreto stabilisce che i procedimenti civili da trattare in ciascuna udienza siano non più di 40 e quelli penali non più di 25, e che gli stessi vengano trattati a distanza non inferiore di 10 minuti l’uno dall’altro.

“Tali disposizioni hanno di fatto generato numerosi disservizi ed una situazione caotica con udienze che si prolungano oltre le ore 16, e con rinivii ad oltre un anno” spiega Verrillo. “Tali sono state le misure adottate dagli uffici del giudice di pace all’indomani dell’entrata in vigore del decreto, e che costituiscono il riflesso immediato di un provvedimento che va immediatamente revocato. Ancora una volta vengono adottate misure senza coinvolgere la Classe Forense e senza verificare l’impatto che determinano delle scelte che incidono sul lavoro degli avvocati. Il decreto è inconciliabile con le esigenze di giustizia che sono dettate dai principi costituzionali del “giusto processo” e della “ragionevole durata” dello stesso”.

Per Verrillo “è davvero inaccettabile che la nostra categoria sia sminuita al punto da essere destinataria di provvedimenti che di fatto costituiscono un irreparabile danno professionale. La tutela della salute pubblica e le esigenze di prevenzione dal rischio di diffusione del Covid non possono e non devono superare le esigenze difensive e professionali. A fronte della richiesta di centinaia di colleghi che, dall’entrata in vigore del Decreto, stanno presentando le loro legittime e condivisibili lamentele, nel corso della prossima seduta consiliare adotteremo tutte le misure per resistere ad un provvedimento che va revocato o modificato secondo le indicazioni che saranno deliberate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvocati in rivolta dopo l'ultimo decreto del presidente del tribunale: "Giornate lunghe e rinvii ad un anno"

CasertaNews è in caricamento