menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Real Sito di Carditello, presto oggetto di lavori di restauro

Il Real Sito di Carditello, presto oggetto di lavori di restauro

Pronti 244 mila euro per il restauro del Real Sito di Carditello

Bandita la gara per ridare prestigio a un'area in stato di abbandono

Bandita una gara d'appalto per i lavori di restauro dei corpi posteriori del Real sito di Carditello, in provincia di Caserta, e ammonta a circa 244 mila euro: è una novità per quest'area, in stato di abbandono e mai oggetto di interventi di restauro.

A bandire la gara è Invitalia, in qualità di Centrale di Committenza per il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo - Fondazione Real Sito Carditello. È stata anche pubblicata la procedura di gara per affidare i servizi di progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori di restauro dei corpi posteriori della tenuta Borbonica in provincia di Caserta.

Le opere oggetto di progettazione dovranno consentire di potenziare l'accessibilità dei luoghi e la fruizione delle aree esterne, di migliorare il consolidamento della struttura e il suo adeguamento funzionale. Il documento di indirizzo alla progettazione prevede, inoltre, interventi di restauro delle pavimentazioni, delle superfici decorate e delle scale, oltre che il rifacimento degli impianti e la realizzazione dei servizi igienici. Invitalia ha già curato la procedura di gara per l'affidamento dei lavori di restauro conservativo e di valorizzazione del Real sito di Carditello, attualmente in corso.

Quando iniziarono i lavori, nel 1744, l'area era completamente ricoperta di piante di cardi, ragione per cui la Reale Tenuta prese il nome di Carditello. Tra il 1745 e il 1815, Carlo III di Borbone acquistò diversi terreni per avviare un allevamento di cavalli, facendo della tenuta una proprietà di circa 2000 ettari.

Più tardi, Ferdinando II introdusse mandrie di vacche e bufali facendo della tenuta una sorta di laboratorio per la lavorazione di prodotti caseari. Nel 1784, Ferdinando IV (poi Ferdinando I Re delle due Sicilie), affidò a Francesco Collecini, allievo di Luigi Vanvitelli, la costruzione del sito: un complesso di edifici da adibire alle attività agricole e all'allevamento che, però, fosse degna del Real proprietario.
Il Real Sito è composto da una palazzina centrale sormontata da un loggiato e da un belvedere, affiancata da altri edifici di servizio, e da un ampio galoppatoio ellittico, delimitato da due fontane con obelischi e con un tempietto circolare nel mezzo.

Tutta la documentazione di gara è consultabile sulla piattaforma Gare e Appalti di Invitalia. Per presentare le offerte c'è tempo fino al 22 novembre 2019.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lite mamma-prof ripresa in un video: “Incomprensioni superate”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento