rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Attualità Macerata Campania

Il maltempo blocca i carri di Sant'Antuono: sfilate rinviate

'Saltano' anche i giochi in piazza. Tutto si svolgerà nel weekend del 21 e 22 gennaio. Oggi la messa, don Rosario chiama a raccolta i capicarro

L'allerta meteo arancione proclamata dalla Protezione Civile della Regione Campania dalle 9 di martedì 17 gennaio alle 9 di mercoledì 18 gennaio ha portato il comitato per i Festeggiamenti di Sant'Antonio Abate a rinviare le sfilate conclusive dell'edizione 2023 a Macerata Campania.

Gli eventi previsti per oggi, 16 gennaio, e per domani, 17 gennaio, comprese anche le celebrazioni religiose e le benedizioni si svolgeranno tra sabato 21 e domenica 22 gennaio. Manca solo il via libera delle forze dell'ordine. Questo per consentire di far svolgere i festeggiamenti in onore di Sant'Antuono in completa sicurezza e nelle migliori condizioni meteo possibili.

Nel weekend appena trascorso tutto è filato liscio e questo grazie all'enorme senso di responsabilità dei carristi e dell'intera organizzazione che da quest'anno è tornata sotto l'ala protettrice della parrocchia. Una decisione, quella di tornare a rendere la festa una cerimonia nel segno della tradizione e, soprattutto, per celebrare Sant'Antonio Abate, che ha avuto un punto di svolta all'inizio dello scorso mese di dicembre quando gran parte dei carristi si sono presentati da don Rosario Ventriglia per chiedere aiuto nell'organizzazione della festa per Sant'Antonio Abate.

Una scelta che ha portato, in sostanza, all'esclusione dall'organizzazione dell'associazione Sant'Antuono e le Battuglie di Pastellessa dall'organizzazione, come invece era avvenuto negli ultimi anni. Don Rosario Ventriglia ha accolto la richiesta di aiuto dei carristi chiedendo però senso di responsabilità da parte di tutti i protagonisti delle Battuglie e, soprattutto, chiedendo di individuare 4 responsabili dell'organizzazione delle sfilate: Luigi Antonio Piccirillo, Raffaele Piccirillo, Martino Vetrella e Pietro Morrone.

E dopo le prime sfilate e soprattutto le migliaia di persone che domenica hanno assistito alle esibizioni dei carristi in un clima sereno, gioviale e soprattutto sicuro, non può che esserci soddisfazione tra coloro che si sono adoperati per il bene della Festa: i carristi, il comitato e don Rosario. Merito anche delle forze dell'ordine del commissariato di Santa Maria Capua Vetere, dei carabinieri di Macerata Campania e degli agenti del comando di polizia municipale che hanno vigilato, anche in borghese, sulla buona riuscita dell'evento. Un grandissimo lavoro che ha portato al successo della manifestazione in attesa del gran finale.

Proprio don Rosario Ventriglia ha voluto rivolgere un appello ai carristi in merito agli appuntamenti di oggi, 16 gennaio: "Amici Capicarro, questa sera abbiamo la Messa alle ore 18. È il momento più importante della festa, anche più importante dell’esibizione davanti alla chiesa: Gesù risorto dal cielo scende sull’altare per le mani del sacerdote e il Paradiso si apre in mezzo a noi durante la Messa, e così incontriamo sant’Antonio abate al vivo. Lui, nostro compagno di viaggio, attira su di noi doni di Luce, per farci vedere meglio il senso della nostra vita".

E ha sottolineato: "Ogni Capocarro dove esortare tutti i ragazzi e i giovani che hanno suonato sui carri, non ne dovrebbe mancare neppure uno. Consegneremo anche un segno di riconoscimento alle autorità dell’ordine pubblico e ai Capicarro, e non solo. Dopo la Messa, seguirà la benedizione del fuoco e degli animali sul sacrato della chiesa. Vi aspetto. Questa sera non ci saranno i giochi in previsti in Piazza San Martino, causa mal tempo. Sono rinviati a sabato prossimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il maltempo blocca i carri di Sant'Antuono: sfilate rinviate

CasertaNews è in caricamento