Espropri non pagati, condannati Comune e Asi

Il Tar ha accolto il ricorso di 4 cittadini che attendono ancora il pagamento delle spettanze per l'esproprio

Quattro fratelli di Carinaro hanno portato davanti ad un giudice il Comune di Carinaro e il Consorzio Asi (entrambi non costituiti in giudizio) per far valere le proprie ragioni. Hanno chiesto al Tar di avviare l'iter scaturente dalla sentenza della Corte di Appello di Napoli, che ha condannato in solido il Comune di Carinaro e il Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Caserta al pagamento in favore dei ricorrenti dell’indennità di espropriazione e delle spese giudiziali.

Partiamo dalla sentenza della Corte di Appello di Napoli che ha imposto di pagare 7.802,50 oltre Iva e Cpa. Il pagamento non c'è ancora stato e quindi i 4 fratelli hanno chiesto la nomina di un Commissario ad acta con il compito di provvedere in sostituzione delle Amministrazioni in caso di persistenza nell’inadempimento e di fissazione di una somma di denaro per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del giudicato, oltre alla condanna alle spese ed onorari del giudizio.

Per il giudice "il ricorso è fondato e merita accoglimento". E quindi secondo il giudice oltre ai 7800 euro i ricorrenti devono avere anche "le spese accessorie, comprese le spese di registrazione del titolo azionato, pari a 692,68 euro". "Non sono dovute, invece, le eventuali spese non funzionali all’introduzione del giudizio di ottemperanza". Qualora ci sian ancora inottemperanza si nominerà "un Commissario ad acta, che sin d’ora si nomina nel Prefetto di Caserta, con facoltà di delega, che darà corso al pagamento, compiendo tutti gli atti necessari, comprese le eventuali modifiche di bilancio, a carico e spese dell’Amministrazione inadempiente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto alla somma richiesta come “astreinte” (“per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del giudicato”), "appare ragionevole riconoscere a parte ricorrente a tale titolo - in esito ad una più approfondita disamina delle peculiarità che connotano l’istituto in questione e, in particolare, della funzione sanzionatoria che connota lo stesso - un’ulteriore somma pari agli interessi legali sulle somme dovute e non ancora corrisposte, con decorrenza dalla comunicazione o notificazione della presente pronuncia e fino al dì del pagamento da parte dell’Amministrazione intimata, ovvero, in caso di mancato pagamento, fino al dì dell’insediamento del Commissario ad acta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento