Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Attualità Marcianise

C'è la conferma: centri commerciali fuori dalla zona rossa. "Ma non si può andare a lavoro"

Arriva il chiarimento della Regione dopo l'ordinanza che 'chiude' la città

Il dubbio sulla possibilità di restare aperto del centro commerciale Campania e dell’Outlet’ La Reggia’ nonostante la zona rossa disposta dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è stata confermata dallo stesso governatore con un chiarimento all’ordinanza numero 84. “Come da comunicazione del Sindaco del Comune di Marcianise (Antonello Velardi, ndr), i Centri Commerciali siti sul territorio comunale non rientrano nell’area urbana del comune e, pertanto, non sono sottoposti allo specifico regime di cui all’Ordinanza 84/2020, ferme tutte le ulteriori disposizioni statali e regionali vigenti”.

"Non si può andare a lavoro"

Il provvedimento chiarisce anche che “i cittadini del comune di Marcianise possono allontanarsi dal centro urbano, come individuato dal Comune competente, solo per i motivi tassativamente previsti dalla stessa Ordinanza. Non rientrano tra tali motivi quelli connessi all’esercizio dell’attività lavorativa, neppure per spostamenti verso altre aree del comune di Marcianise, fatta eccezione per i soli titolari o addetti di esercizi di attività indicati negli allegati 1 e 2 del DPCM 10 aprile 2020, e sempre che la presenza degli stessi risulti indispensabile in mancanza di ulteriori unità lavorative impiegate nel medesimo esercizio”.

Attività aperte zona rossa

Velardi: "Il giorno più duro da quando sono sindaco"

“E' stato il giorno più duro da quando sono stato eletto sindaco” ha commentato il sindaco Antonello Velardi che sembra anche voler rispondere alla richiesta dei consiglieri di opposizione (che hanno chiesto di ricorrere al Tar contro la zona rossa) affermando: “I provvedimenti assunti finora dalla Regione Campania in materia di tutela della salute pubblica hanno retto tutti ai ricorsi proposti da fior di avvocati”. Ed aggiunge: “Diverso discorso è quello relativo al danno, enorme, che subisce una comunità per un provvedimento di questo tipo. Un danno sul piano economico. E su questo aspetto saremo inflessibili come amministrazione comunale: avvieremo tutte le azioni necessarie per aiutare doverosamente le attività in difficoltà per questo nuovo blocco. Chiederemo i ristori, studieremo misure ulteriori di supporto. Ma lo faremo in modo serio e concreto, senza pagliacciate. Sottolineo anche che attuare un provvedimento di istituzione di una zona rossa non è come mangiare bruscolini al cinema. E' un'operazione complessa che richiede tempo, pazienza e lucidità. Oggi la giornata è trascorsa ad affrontare gli aspetti non chiari e non tutti sono stati ancora chiariti. Stasera, a tarda ora, la Regione ha diffuso una nota di precisazione in cui in buona sostanza si sostiene che i centri commerciali sono al di fuori del centro urbano di Marcianise e quindi non sono soggetti alla restrizione della zona rossa e che gli spostamenti da Marcianise sono consentiti per motivi di lavori solo a determinate condizioni. Si può uscire per andare a lavorare in attività essenziali a condizione che si è indispensabili per il ciclo di lavoro. E' probabile che le operazioni di costituzione dei posti di blocco e quindi di centurazione della città si concludano nel pomeriggio di domani. Le attività cittadine interne sono tutte ferme e per tutti vale l'obbligo di restare a casa, di non uscire di casa se non nelle condizioni espressamente previste di particolare urgenza. Mi rendo conto che è molto dura, ma è un lockdown di dieci giorni: dobbiamo stringere i denti, l'obiettivo è di recuperare lo stato di sicurezza collettiva. I sacrifici potrebbero rivelarsi molto utili dopo, sempre se sapremo farne tesoro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è la conferma: centri commerciali fuori dalla zona rossa. "Ma non si può andare a lavoro"

CasertaNews è in caricamento