rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità

Psicosi coronavirus, la Cisl chiede dispositivi di protezione per i dipendenti pubblici

Il segretario Della Rocca: "Siamo preoccupati soltanto in misura cautelativa"

La Cisl Funzione Pubblica di Caserta nella persona del suo segretario generale Franco Della Rocca, ha ritenuto opportuno e necessario contattare i sindaci dei 104 comuni della provincia di Caserta, i vari commissari prefettizi, i medici competenti per la sicurezza dei luoghi di lavoro e le varie amministrazioni pubbliche territoriali, nonché il prefetto di Caserta, per ricordare loro l'urgenza della tutela dei dipendenti impiegati nelle varie pubbliche amministrazioni del territorio.

"Vista l'ordinanza del presidente della Regione Campania numero 1 del 24 febbraio - scrive la Cisl in una nota - che detta misure organizzative volte al contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica derivante da Covid 19, questa federazione sindacale, ai fini collaborativi e a tutela del lavoratori dipendenti, che vivono forti preoccupazioni per coloro i quali operano a contatto diretto con il pubblico, chiede di attivare azioni a tutela della salute finalizzate a prevenire eventuali fenomeni di diffusione del contagio".

"In particolare la Cisl Fp chiede di dotare i lavoratori in front office e/o in servizio sul territorio, polizia locale, addetti alla notificazione di atti, di adeguati dispositivi di protezione individuali, mediante forniture di idonei sistemi e strumentazioni".

Si intende per dispositivo di protezione individuale, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo.

"Siamo preoccupati soltanto in misura cautelativa - commenta Franco Della Rocca - stiamo cercando di informare e aggiornare in maniera approfondita i nostri iscritti e non solo, i lavoratori tutti, perché è giusto che sia così, abbiamo il diritto di recarci sui luoghi di lavoro serenamente, certi di essere tutelati e protetti. Per tutto il resto le nostre federazioni nazionali sono in strettissimo contatto con gli uffici di competenza e si stanno adoperando in ogni modo affinché i lavoratori siano dotati di ogni misura di protezione. Serve solo equilibrio e la collaborazione delle amministrazioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Psicosi coronavirus, la Cisl chiede dispositivi di protezione per i dipendenti pubblici

CasertaNews è in caricamento